Perché le città vogliono i rifugiati

Set 17 • Dall'UDC, L'opinione, Prima Pagina • 177 Views • Commenti disabilitati su Perché le città vogliono i rifugiati

Care lettrici e cari lettori

I politici di sinistra – in genere tutti abitanti delle città – chiedono che vengano ammessi più rifugiati dall’Afghanistan. Camuffano questa richiesta dietro frasi umanitarie. Dietro questo, tuttavia, c’è il calcolo politico. Leggete il mio commento su questo.

La Svizzera è uno dei paesi più densamente popolati e ha una delle quote di stranieri più alte di tutti. Come possiamo pretendere di accogliere sempre più persone che sono lontane da noi linguisticamente, culturalmente, religiosamente e socialmente e che sono anche un peso per le nostre statistiche della criminalità? Ciononostante, Fabian Molina e Mattea Meyer del PS, per esempio, vogliono accogliere 10.000 Afghani. Guarda caso, entrambi provengono dalle città. Anche la città di Berna, sotto la guida del sindaco verde Alec von Graffenried, vuole accogliere gli Afghani, così come l’Associazione svizzera delle città. Balthasar Glättli, che vive nella città di Zurigo, voleva accogliere 100.000 siriani nel 2015.

Vi starete chiedendo: perché mai i rossoverdi della città vogliono a tutti i costi il maggior numero possibile di rifugiati? È solo perché hanno un cuore buono e tanta compassione per le altre persone? Pensano davvero che non ci siano problemi con i richiedenti asilo dall’Afghanistan e dalla Siria – alcuni di loro altamente problematici – che quasi certamente finiscono nell’aiuto sociale e alcuni di loro nel crimine?

L’atteggiamento della sinistra rossoverde è puro calcolo. Sanno perfettamente che il Consiglio nazionale e i parlamenti cantonali non sono composti secondo il numero di cittadini svizzeri, ma secondo il numero della popolazione totale.

Le sinistre delle città sanno anche che i rifugiati vengono rapidamente contati tra gli ammessi temporaneamente e poi tra i residenti. Poiché si stabiliscono principalmente nelle città, questo si traduce in una popolazione più numerosa, quindi più mandati parlamentari e, di conseguenza, più potere politico per le città dominate dalla sinistra. Con la libera circolazione delle persone e con le politiche di immigrazione e degli stranieri più generose possibili, possono invertire la maggioranza politica in Svizzera a favore delle città e a scapito degli agglomerati e della campagna.

Prendiamo come esempio il cantone di Zurigo. Lì, fino al 1989, i mandati per il Consiglio cantonale erano assegnati in base al numero di cittadini svizzeri. Su richiesta delle città, ciò è stato cambiato; da allora, i mandati del Consiglio cantonale sono stati assegnati in base al numero della popolazione totale – il che naturalmente dà alle città di sinistra di Zurigo e Winterthur un quantitativo considerevolmente maggiore di mandati. Ricordatelo la prossima volta che le città di sinistra chiederanno ancora più rifugiati.

Cordiali saluti dalle paludi di Berna.

Thomas Matter

Consigliere nazionale, Meilen (ZH)

Comments are closed.

« »