Ospitereste a dormire a casa vostra un tipo come Antoine de Maximy?

Ott 18 • Lettori, Prima Pagina • 187 Views • Commenti disabilitati su Ospitereste a dormire a casa vostra un tipo come Antoine de Maximy?

Recentemente, mentre facevo passare il tempo su «YouTube», mi sono imbattuto in un canale su cui sono caricate praticamente tutte le puntate della trasmissione francese “J’irai dormir chez vous” (diffusa in passato anche dalla TV italiana con il titolo “Posso venire a dormire da voi?”).

Si tratta di una serie di documentari di viaggio tutti strutturati alla medesima maniera: un uomo da solo, il sessantenne Antoine de Maximy, parte per un viaggio di due settimane in un luogo sconosciuto, senza nulla di preparato, portando con sé soltanto delle telecamere (una fissata a una imbracatura alla vita che lo inquadra in primo piano, una fissata alla spalla che riprende gli interlocutori e una manuale per inquadrature speciali), la macchina fotografica e un sacco da montagna con l’immancabile “Schlafsack”. Egli ha l’obiettivo di conoscere le persone del posto e – se possibile – andare a dormire da loro.

Vengono fuori delle trasmissioni davvero piacevoli, in cui è possibile immergersi appieno, sembra quasi di essere lì con lui (tutto è raccontato in prima persona, non esiste una voce esterna narrante come nei documentari classici, ma soltanto quella di Antoine). A seconda del paese visitato, della cultura che incontra e dello sviluppo del turismo, sperimenta diversi tipi di ospitalità.

Sono rare le situazioni di pericolo che, per la maggior parte dei casi, sono dettate dal fatto che non tutti amano essere filmati. Tra le situazioni spiacevoli si può annoverare l’attrezzatura che gli è stata spaccata da un gruppo di giovani all’interno di un bar in Germania, l’essere per sbaglio entrato in un postribolo in Grecia e l’aver consumato delle foglie allucinogene che gli sono state offerte da dei signori che le che le consumavano all’interno di un esercizio pubblico in Corea del Sud.

Il protagonista è andato anche in Svizzera – la puntata è andata in onda il 12 agosto del 2005 – visitando Ginevra, Zurigo, Verbier ma anche la Valle di Muggio nella quale si è imbattuto nella fattoria di un certo Rodolfo che poi l’ho ha invitato a casa sua per cenare.

Ora è cominciata la decima edizione del programma ed è già possibile visionarne la prima su «YouTube». Antoine de Maximy questa volta si è spinto a Cipro, visitando anche la parte nord dell’isola.

Si tratta di un programma davvero ben fatto e consiglio di visionarlo; nel marasma infinito e spesso colmo di scemenze della rete, “J’irai dormir chez vous” è davvero una perla rara!

 

Alessandro “Bubi” Berta (Gordevio)

Comments are closed.

« »