Il Centro – dove, prego?

Dic 16 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 75 Views • Commenti disabilitati su Il Centro – dove, prego?

Dall’inserto «Brisant» della rivista «Schweizerzeit» del 1° dicembre 2023

Hans Geiger, Professore emerito di scienze bancarie, Weiningen ZH

Assurdità presidenziali

Solo tre anni fa, il Partito Popolare Cristiano Democratico (PPD) ha cambiato il suo nome in «Alleanza di centro »  (Il Centro) e allo stesso tempo ha accolto il PBD in difficoltà, che era sorto dalla scissione dall’UDC nel 2008. Il nuovo nome era ed è privo di significato. O semplicemente velleitario.  Che fine hanno fatto i precedenti «conservatori», «cristiani» e «liberal-sociali»? Cosa dovrebbe essere «il Centro»? Il centro tra cosa e cosa? L’unica spiegazione è probabilmente la seguente: il partito si affaccia alla finestra ogni mattina e controlla da che parte soffia il vento. Poi decide la politica del giorno. Questo si chiama banderuola. Si potrebbe anche chiamare appalto a maggioranza. O ribaltamento della bilancia.

Via col vento

Adesso, il presidente del partito Gerhard Pfister ha confermato questa infelice interpretazione. In un’importante intervista rilasciata alla NZZ il 21 novembre 2023, egli descrive il comportamento del suo partito come segue «Non possiamo più limitarci ad aspettare e vedere quali richieste provengono da destra e da sinistra e poi allinearci con una posizione o con l’altra». Molti osservatori considerano «Il Centro» un partito borghese, così come molti politici ed elettori centristi. Il presidente del partito Pfister non è più uno di loro. Dice: «Chi parla di “campo borghese” ha in testa una visione bipolare del mondo che non ha più nulla a che fare con la realtà politica attuale in Svizzera. Non esiste un solido “blocco borghese” che si contrapponga in modo compatto ai partiti di sinistra”.

Contro l’UDC 

Il presidente del partito Pfister afferma: «Gran parte della nostra base non vuole avere nulla a che fare con l’UDC, per ragioni di contenuto, per questioni di decenza e stile e per un diverso atteggiamento nei confronti delle nostre istituzioni».  Probabilmente Pfister ha ragione. I candidati dell’UDC non possono certo contare sull’appoggio dei suoi compagni di partito. Come dimostrano le elezioni del Consiglio degli Stati a Zurigo e in altri cantoni, essi tendono a rimanere a casa il giorno delle elezioni o a votare per la sinistra.  D’altra parte, anche molti politici centristi devono la loro elezione ai voti dell’UDC. Se gli iscritti all’UDC di Zurigo scriveranno nuovamente il nome di un politico centrista che «non vuole avere nulla a che fare con l’UDC» sulla scheda elettorale alle prossime elezioni cantonali non sembra così certo. 

Il nuovo centro come terzo polo di riferimento

Quando i giorni della politica delle banderuole saranno finiti, «il Centro» dovrà definire la propria linea. Pfister la vede chiaramente: «Dobbiamo definire noi stessi le nostre posizioni e poi conquistare le maggioranze. Ho sempre detto che abbiamo bisogno di un cambiamento culturale in questo senso. Questa sarà la grande sfida per il nostro partito nella prossima legislatura».  La «grande sfida» ci sarà probabilmente davvero, soprattutto all’interno del suo stesso partito. Secondo Pfister, stiamo assistendo al sorgere di un sistema con tre poli: l’UDC e il PLR a destra, il PS e i Verdi a sinistra, e in mezzo un polo attorno al partito centrista. E afferma con convinzione: «Le soluzioni praticabili emergono nel centro politico». Tuttavia, sulla base delle elezioni del Consiglio nazionale, i tre poli avrebbero pesi molto diversi: UDC e PLR: 42%, PS e Verdi 29%, «il Centro» (centro, Verdi liberali, PPE) 24%. Un confronto tra i profili del centro e dei Verdi liberali mostra che l’idea di un «Centro» è più un pio desiderio che una realtà. Secondo la Bussola dei partiti, il profilo degli elettori centristi è decisamente più vicino a quello del PLR «di destra» che a quello dei suoi corteggiati Verdi liberali nel nuovo «Centro». Gerhard Pfister ha almeno un sostenitore nella sua visione centrista: il veterano leader del partito PS Peter Bodenmann scrive sulla Weltwoche del 23 novembre: «Il PPD deve fagocitare i Verdi liberali. Meglio domani che dopodomani. Altrimenti, questi ultimi appassiranno in termini di politica di potere». Questa affermazione sembra piuttosto superata: il PPD non esiste più da tre anni.

Dissonanze   

Prima che il partito centrista possa affrontare il profilo dei verdi liberali per la costruzione del nuovo centro, dovrà probabilmente prestare attenzione alla coesione sostanziale del proprio elettorato e dei propri politici. La potente delegazione del «Centro» in Consiglio degli Stati spesso si rifiuta di seguire il suo presidente: molti rappresentanti del «Centro» si trovano più a loro agio nel campo dei conservatori e dei borghesi. E sentono un legame più forte con i loro cantoni che con la leadership del loro partito.  Anche nel Consiglio nazionale ci sono forti rappresentanti del «Centro» borghesi. Primo fra tutti Markus Ritter, che non solo persegue una politica decisamente borghese, ma è anche a capo di una delle influenti associazioni imprenditoriali quale presidente dell’Associazione dei contadini. E lavora a stretto contatto con il partito con cui, secondo Pfister, «gran parte della nostra base non vuole avere nulla a che fare». Markus Ritter prende una posizione decisa contro il leader del suo partito nella «Schweiz am Sonntag».

Il profilo del «Centro»

Secondo Gerhard Pfister, il partito vuole «ridefinire lui stesso le proprie posizioni». Il partito «ha bisogno di un cambiamento culturale in questo senso». Siamo curiosi di vedere come saranno queste posizioni. Il partito non rende facile una previsione. Non c’è un programma del partito sul suo sito web, e questo a tre anni dalla sua nascita. Le banderuole probabilmente non hanno bisogno di un programma. Tuttavia, il partito indica la sua direzione nel suo statuto. Il preambolo recita: «Libertà. Solidarietà. Responsabilità. Noi teniamo insieme la Svizzera!». Sembra un’ottima idea, e qualsiasi altro partito la sottoscriverebbe. Chi è contrario alla libertà, alla solidarietà e alla responsabilità? Quindi il profilo si adatta sia a una «visione del mondo bipolare» sia a un «sistema a tre poli».

Comments are closed.

« »