Ecco il salvataggio di una esclusa!

Feb 9 • Dalla Svizzera, L'opinione, Prima Pagina • 20 Views • Commenti disabilitati su Ecco il salvataggio di una esclusa!

Le votazioni nazionali dello scorso ottobre hanno escluso dal Consiglio agli Stati la deputata verde ginevrina Lisa Mazzoni che, dopo quattro anni di presenza alla camera alta a Berna, si è trovata senza attività politica remunerata! Era stata eletta, la prima volta, nel 2015 al Consiglio nazionale con 615 voti in più dell’uscente e collega di partito Anne Mahrer. Nel 2019 è passata al Consiglio degli Stati per il canton Ginevra e nel 2024 avrebbe dovuto assumere la carica di presidente della camera alta, se fosse stata riconfermata. Ma così non è stato. In quest’ultima votazione, nel rinnovo del Consiglio degli Stati il collega di lista, il socialista Carlo Sommaruga, che era stato candidato quale secondo rappresentante ginevrino, l’ha superata per 1123 voti, preceduto da Mauro Poggia.

Quindi si è trovata senza occupazione, se così possiamo dire. Lei stessa, lo scorso novembre, aveva annunciato di ritirarsi dalla politica attiva a soli trentacinque anni!

I Verdi, durante il rinnovo del parlamento svizzero, hanno perso ben 5 seggi al Nazionale scendendo a 23 deputati e passando da 5 a due alla camera alta. Con una perdita del 3.5% di voti.

Il compagno dell’esclusa, Christoph Lenz, è un giornalista di lingua tedesca originario di Sciaffusa e corresponsabile, dal febbraio 2023, del servizio di comunicazione del Dipartimento federale di giustizia e polizia diretto da Elisabeth Baume-Schneider.

Balthasar Glättli, attuale presidente dei Verdi svizzeri e Consigliere nazionale del canton Zurigo dal 2011, è in tale funzione dal 20 giugno 2020 e il prossimo mese di aprile rinuncerà a ricandidarsi alla testa dei Verdi.

Alcuni dei suoi possibili successori, dalla deputata al nazionale di Basilea Campagna Florence Brenzikofer alla ticinese Greta Gisin o all’ex presidente del Consiglio nazionale

Irène Kälin, hanno declinato l’offerta di sostituirlo. Rimaneva l’esclusa dagli Stati Lisa Mazzone. Lo stipendio medio di un eletto alla Camera dei cantoni è di: indennità per la preparazione ai lavori parlamentari: Frs. 26’000, + diaria: Frs. 54’849, + indennità di percorso (Indennità di perdita di guadagno per ogni quarto d’ora di viaggio eccedente i 90 minuti tra il domicilio e Berna): Frs 823 (dati ricavati da Retribuzione dei parlamentari: *https://www.parlament.ch*).

La carica di presidente dei verdi non sappiamo quanto sia retribuita ma, sicuramente non lavorerà gratis Lisa Mazzone che possiede fra l’altro la doppia nazionalità svizzera e italiana.

FRG

Comments are closed.

« »