Condizioni insostenibili del sistema-asilo: il gruppo parlamentare dell’UDC incontra la consigliera federale Baume-Schneider

Dic 2 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 110 Views • Commenti disabilitati su Condizioni insostenibili del sistema-asilo: il gruppo parlamentare dell’UDC incontra la consigliera federale Baume-Schneider

Il caos nel settore dell’asilo ha raggiunto proporzioni intollerabili. Nella riunione del 25 novembre, il gruppo parlamentare dell’UDC ha incontrato la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider e ha voluto sapere dalla ministra dell’Asilo come intende porre fine a queste problematiche. Dal punto di vista dell’UDC, l’incontro è stato molto preoccupante: invece di arrestare il caos in materia d’asilo, la consigliera federale Baume-Schneider sta gestendo il problema – a spese dei cantoni, dei comuni e della popolazione svizzera.

I membri del gruppo UDC si sono confrontati con la ministra dell’Asilo Baume-Schneider sugli effetti negativi della sua politica d’asilo sulla popolazione. 

I consiglieri nazionali Nicolas Kolly (FR), Thomas Knutti (BE), Monika Rüegger (OW), Marcel Dettling (SZ), Yvan Pahud (VD) e Michael Götte (SG) hanno descritto le condizioni insostenibili nei loro cantoni, dove le molestie e persino gli stupri si verificano quasi quotidianamente, come ad esempio a Zurigo, dove un Afgano ha violentato una jogger in pieno giorno, o in Ticino, dove due Algerini hanno abusato sessualmente di un minore nella toilette del treno. I furti e le effrazioni sono all’ordine del giorno, così come le risse e altri atti di violenza – la polizia deve essere regolarmente chiamata nei centri asilanti, come dimostra l’esempio di Glaubenberg (OW). I consiglieri nazionali hanno anche riferito delle scuole sovraccariche, delle cure gratuite presso i dentisti e della perdita di fiducia della popolazione svizzera: si ha la sensazione che i responsabili di questa miseria vogliano nascondere i problemi sotto il tappeto.

La consigliera federale Baume-Schneider non ha negato la necessità di riforme nel settore dell’asilo. Ma poiché la Svizzera è vincolata da accordi internazionali e dalla Convenzione sui rifugiati, non è legalmente possibile, per esempio, esternalizzare le procedure di asilo in un paese terzo sicuro o in zone di transito al confine nazionale. Questo nonostante il fatto che altri paesi europei e persino l’UE stessa vogliano ora implementare questa possibilità.

I fatti nell’ambito dell’asilo sono sconvolgenti:

  • la maggior parte dei richiedenti l’asilo non sono rifugiati ai sensi della legge;
  • tuttavia, coloro che dicono «asilo» di solito rimangono qui;
  • oltre il 75% dei richiedenti l’asilo proviene da paesi islamici e per la maggior parte si tratta di giovani uomini;
  • i costi stanno esplodendo: solo il governo federale sta spendendo 4 miliardi di franchi per l’asilo quest’anno, pari a 1’800 franchi dei contribuenti per ogni famiglia di quattro persone;
  • quasi tutti i richiedenti l’asilo si recano in Svizzera da paesi terzi sicuri;
  • quasi tutti i paesi europei hanno reintrodotto i controlli alle frontiere – solo la Svizzera non ha ancora controlli sistematici ai propri confini;
  • il numero di ingressi illegali in Svizzera sta salendo alle stelle: nel 2022, sono stati fermati oltre 52.000 immigrati illegali, da gennaio a ottobre 2023 sono stati 40.924 – il numero reale è probabilmente molto più alto;
  • l’accordo Schengen-Dublino è fallito: le frontiere esterne dell’UE non sono protette e il rimpatrio dei casi di Dublino non funziona. L’Italia si rifiuta persino di riammettere i richiedenti l’asilo.

Dal punto di vista del gruppo UDC, la visita della ministra dell’asilo è stata sconfortante: la consigliera federale del PS si è concentrata sull’assistenza ai richiedenti l’asilo e sulla ricerca di un numero ancora maggiore di posti per ospitarli. Il gruppo parlamentare dell’UDC esige l’introduzione immediata di controlli alle frontiere, l’espulsione dei migranti dell’asilo illegali, l’esternalizzazione delle procedure d’asilo, l’eliminazione dei sussidi in contanti per i richiedenti l’asilo e il divieto di concedere l’asilo ai migranti che giungono in Svizzera da paesi terzi sicuri. Questo è l’unico modo per fermare l’afflusso di migranti dell’asilo indesiderati da tutto il mondo. Il capogruppo Thomas Aeschi ha consegnato alla consigliera federale Baume-Schneider una petizione contenente oltre 15.000 firme che chiedono l’introduzione immediata di controlli alle frontiere e la cessazione del caos nel settore dell’asilo. Nella sessione invernale, il gruppo parlamentare dell’UDC presenterà in entrambe le Camere mozioni in tal senso.

Comments are closed.

« »