Cerchiamo di contenere la deriva a sinistra della Berna federale: mandiamo Chiesa e Regazzi agli Stati

Nov 18 • Dal Cantone, Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 67 Views • Commenti disabilitati su Cerchiamo di contenere la deriva a sinistra della Berna federale: mandiamo Chiesa e Regazzi agli Stati

(enm) Per contenere la deriva a sinistra del Consiglio nazionale, siamo riusciti ad aumentare sensibilmente i seggi dell’area di destra che, contando UDC, Lega, UDF e MCG ne dispone  di 67 su 200. Un buon risultato, ma che potrà contrastare la sinistra sui singoli temi solo se i deputati di PLR e Centro non ancora obnubilati da smanie progressiste la sosterranno. Non c’è da farsi soverchie illusioni ma, chissà? Spes ultima dea!

Ora si tratta di fare la stessa cosa con il Consiglio degli Stati e il Ticino deve fare la sua parte. È indispensabile sì eleggere il rappresentante della destra pura e dura (sebbene tutt’altro che esaltata e fondamentalista come la dipingono gli avversari), quindi Marco Chiesa. Ma occorre anche affiancargli un collega della vecchia guardia borghese – ossia di quell’ala purtroppo ormai quasi estinta nei cosiddetti partiti di centro, fagocitata da radicali nel PLR e dai sindacalisti nel Centro. Escludiamo perciò a priori Storni e Gysin, rispettivamente PS e Verdi. Ma dei restanti, a nostro avviso, l’unico che nelle passate legislature ha votato in Parlamento più volte sulla stessa linea dell’UDC è Fabio Regazzi. E votare sulla linea dell’UDC significa privilegiare i valori tradizionali della Svizzera, contro l’immigrazione di massa, contro una politica energetica fallimentare, a favore della neutralità e di un esercito forte, ma anche schierarsi contro ogni concessione alla pseudocultura «woke» e alle dimostrazioni violente e illegali che ne derivano. E siamo convinti che Fabio Regazzi sia l’uomo adatto anche per far sì che finalmente, i due rappresentanti ticinesi nel Consiglio degli Stati abbiano a votare all’unisono, al contrario di quanto successo in questa legislatura, nella quale praticamente i due voti si neutralizzavano.

L’accoppiata Marco Chiesa e Fabio Regazzi, ai nostri occhi, è quindi l’ideale per rappresentare alla camera alta il Ticino che vogliamo, difendendo con vigore ed efficacia i nostri interessi. Invitiamo perciò i nostri lettori a sostenerli con il loro voto.

Comments are closed.

« »