Cassis stringe patti con i nemici della Russia

Feb 18 • Prima Pagina • 74 Views • Commenti disabilitati su Cassis stringe patti con i nemici della Russia

Dalla Weltwoche del 10.02.2022, un articolo di Hubert Mooser

Hubert Mooser

Il presidente della Confederazione è sempre più coinvolto nel conflitto in Ucraina. Ora la Svizzera fa addirittura causa comune con gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Svezia.

Normalmente, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) invia un comunicato stampa su ogni piccola questione. Ma il DFAE non ha detto una parola sulla firma di un memorandum, il 2 febbraio a Kiev, che riguarda il futuro impegno della Svizzera nella regione di crisi ucraina del Donbass. Le immagini della cerimonia della firma sono apparse sui giornali ucraini e russi. Una delle foto mostra l’ambasciatore svizzero Claude Wild in posa davanti alla bandiera svizzera con il petto gonfio di orgoglio, come se avesse appena compiuto una grande impresa diplomatica.

Eppure, questo impegno è esplosivo. La Russia ha aumentato massicciamente il suo dispiegamento di truppe al confine con l’Ucraina, causando preoccupazione in Occidente. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Svezia e altri Stati sputano quotidianamente veleno contro la Russia. In questo contesto, la Svizzera, insieme a Stati Uniti, Regno Unito, Svezia (e Canada) ha creato un fondo volto a finanziare progetti di aiuto alla popolazione dell’est e del sud dell’Ucraina, come spiega il DFAE in risposta a una domanda. Sotto forma di partenariati con le comunità locali, lo sviluppo economico deve essere incentivato, i servizi statali migliorati e la società civile rafforzata. I paesi donatori prevedono di pagare circa 45 milioni di franchi per questi progetti, con un contributo della Svizzera di 3 milioni di franchi.

La Svizzera neutrale nel vortice

Ciò sembra per ora innocuo. Ma lo è davvero? Il fatto è che in questo progetto gli Stati partner della Svizzera sono sempre più invischiati nel conflitto tra Russia e Ucraina. Gli Stati Uniti hanno inviato truppe in Europa orientale. La Gran Bretagna è il paese che si sta aizzando più fortemente contro la Russia. Anche la Svezia neutrale si comporta in modo aggressivo. Il Canada, da parte sua, fornisce armi all’Ucraina e sta persino progettando di costruire una fabbrica di armi sul posto. La Svizzera neutrale corre il rischio di essere trascinata in questo vortice.

C’è poi un altro problema: questo «Partnership Fund for a Resilient Ukraine», come si chiama l’azione di squadra dei cinque paesi donatori, apparentemente raggiunge solo la popolazione dell’est controllato dal governo, ma non la popolazione ucraina delle repubbliche di Donetsk e Luhansk. Tuttavia, fingono di voler sostenere proprio queste regioni.

Soprattutto, ci si chiede perché questo impegno sia stato taciuto in Svizzera. Il presidente della commissione di politica estera (CPE), il consigliere nazionale UDC Franz Grüter, non ha mai sentito parlare di questo fondo. Il suo commento sugli eventi è pertanto cauto: «Di aiuti nelle regioni di crisi si può parlare», dice. «Ciò che non va sono delle alleanze in cui la Svizzera potrebbe essere accusata di una certa partigianeria». Per Grüter, tuttavia, il seggio della Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell’ONU è molto più esplosivo.

La consigliera nazionale Elisabeth Schneider-Schneiter (Alleanza di centro) ricorda che la Svizzera partecipa da anni a diversi progetti bilaterali e multilaterali in Ucraina. Non vede la neutralità messa in discussione da questi progetti a favore della società civile. Per il consigliere nazionale dei Verdi liberali Roland Fischer, i partenariati nel campo della cooperazione internazionale sono comuni e dovrebbero essere accolti con favore. «Non c’è motivo per cui la Svizzera non debba cooperare con l’Ucraina e questi Stati in progetti civili».

Il consigliere nazionale UDC Roland Büchel, che ha visitato la regione di confine del Donbass alcuni mesi fa con una delegazione, trova strano che la Svizzera collabori proprio con i paesi che attualmente agiscono in modo più aggressivo e fomentano il sentimento anti-russo. «Non vedo la necessità di questa cooperazione», dice il deputato della Svizzera orientale.

Cassis a Kiev

Questo gioco con il fuoco è iniziato quando il presidente del Consiglio nazionale, Andreas Aebi (UDC), ha partecipato, su incarico del Consiglio federale, a una piattaforma creata dal presidente ucraino Volodymyr Selenskyj nel 2021. Questa piattaforma persegue l’obiettivo a lungo termine di reintegrare in Ucraina la Crimea, che è stata annessa dai russi nel 2014. Qualche settimana dopo, anche il ministro degli Esteri Cassis è volato a Kiev – per parlare ancora una volta con le stesse persone incontrate prima di lui da Andreas Aebi. Cassis ha anche avviato la procedura preparatoria per la Conferenza sulla riforma dell’Ucraina del 2022, che avrà luogo a Lugano il 4 e 5 luglio e che costituisce una continuazione dei colloqui della piattaforma avviata da Selenskyj.

Perché, cinque mesi prima di questo evento e nel mezzo di una grave crisi, si sia ritenuto necessario partecipare a un lavoro di squadra per l’Ucraina con coloro che sono in rotta di collisione con la Russia, rimane un mistero. Per ora sembra solo un patto contro l’aggressione russa. Ma la neutralità armata della Svizzera è tutt’altra cosa.

 

Comments are closed.

« »