Calvi o pelosi? Una questione di potere!

Mag 15 • L'opinione, Prima Pagina • 83 Views • Commenti disabilitati su Calvi o pelosi? Una questione di potere!

Black Rot

Profezie

Vladimir Vladimirovich Putin è attualmente l’indiscusso dittatore della Russia. Quanto a lungo ancora rimarrà al potere, è scritto nelle stelle. Ma una cosa è sicura: il suo successore dovrà essere dotato di una folta chioma. Lo si evince dalla storia russo-sovietica degli ultimi circa cento anni. Perché l’ordine di successione pelosa del dittatore di turno non lascia spazio a dubbi. Ecco la sequenza:

  • L’ultimo zar di Russia, Nicola II., ebbe i capelli fino alla sua eliminazione nel 1917;
  • il suo successore, Lenin (1918-1924), al contrario, era completamente calvo;
  • a costui succedette (1922-1953) Stalin, molto peloso sia in testa che sul cuore;
  • dal 1953-1964 gli succedette Krusciov, senza capelli;
  • seguì poi, nel 1964 (fino al 1982) Breschnev, di nuovo con i capelli;
  • quindi (1982-1984) il pelato Andropov;
  • dal 1984 al 1985 fu la volta del capelluto Tschernenko;
  • cui fece seguito, nel 1985, il piuttosto pelato Gorbaciov;
  • nel 1992 arrivò la chioma leonina di Eltsin;
  • dal 1992-1998, di nuovo il calvo Tschernomyrdin;
  • cui fece seguito, nel 1998/1999, di nuovo un peloso, ossia Primakov;
  • infine, nel 1999, al potere andò Putin dalla calvizie incombente.

Ne consegue chiaramente che la successione dei dittatori russo-sovietici è avvenuta, ininterrottamente negli ultimi cento anni, sempre con un cambio ogni volta da un cappellone a un calvo e viceversa.  

Prepariamoci dunque a una successione pelosa di Putin. L’assetato di potere Putin sembra conoscere la problematica dei capelli. Infatti, si è già liberato per precauzione del suo peloso Medvedev.

Comments are closed.

« »