Appello aperto al Consiglio federale per assicurare il turismo invernale

Dic 3 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 11 Views • Commenti disabilitati su Appello aperto al Consiglio federale per assicurare il turismo invernale

Si moltiplicano i segnali secondo i quali il Consiglio federale pensa, in particolare a seguito di pressioni straniere, di limitare fortemente il turismo invernale in Svizzera, nell’ambito della sua strategia contro la pandemia di Covid-19. I sottoscritti rappresentanti dei cantoni turistici nel Parlamento federale si preoccupano perciò vivamente per le migliaia di imprese toccate, la cui sopravvivenza dipende dagli introiti realizzati durante il limitato numero di settimane di vacanza invernali.

Durante le scorse settimane, le imprese turistiche hanno elaborato dei dispositivi di protezione completi. Ciò significa che stanno prendendo a cuore la sicurezza della popolazione e che stanno preparando seriamente la stagione invernale. Non è perciò accettabile che il Consiglio federale imponga, poco prima dell’apertura della stagione sciistica, delle restrizioni quasi inapplicabili, estendendo le misure stabilite a tutto il paese e senza differenziare. Questa decisione provocherebbe delle perdite economiche inestimabili.

Per sostenere, di fronte a questa difficile situazione, il Consiglio federale e la sua strategia finora intelligente – perché differenziata e cantonale – di lotta contro la pandemia di Covid-19, i sottoscritti parlamentari federali di diversi partiti politici, rivolgono al governo le seguenti richieste:

  1. Bisogna rinunciare a nuove restrizioni imposte a livello federale su tutto il territorio che colpiscano il turismo invernale.
  2. Le eventuali ulteriori esigenze in termini di dispositivi di protezione concernenti il turismo invernale devono rimanere, come le altre misure, di competenza dei cantoni.
  3. Bisogna rinunciare a limitare la capacità delle regioni sciistiche in tutto il paese, tanto più che questo intervento provocherebbe principalmente la concentrazione dei clienti negli spazi d’attesa e nelle stazioni turistiche. Inoltre, non si vede quale differenza ci sarebbe fra un tram o un bus pieno e una telecabina. Il più sovente, la permanenza in una telecabina è perfino molto più breve che in un tram o in un bus.
  4. Le imprese turistiche hanno il dovere di applicare senza eccezioni e rigorosamente i dispositivi di protezione, in particolare l’obbligo di portare la mascherina e il rispetto delle distanze.

 

Albert Rösti, consigliere nazionale BE

Erich von Siebenthal, consigliere nazionale BE

Magdalena Martullo, consigliera nazionale GR

Martin Schmid, consigliere agli Stati GR

Monika Rüegger, consigliera nazionale OW

Petra Gössi, consigliera nazionale SZ

Nicolo Paganini, consigliere nazionale SG

Philippe Bregy, consigliere nazionale VS

Franz Ruppen, consigliere nazionale VS

Thomas Matter, consigliere nazionale ZH

 

 

 

 

 

 

 

Berna, 2 dicembre 2020

Comments are closed.

« »