Acordi stunaa

Ott 21 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 1543 Views • Commenti disabilitati su Acordi stunaa

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Da quand che ‘l nööf febraar, semm naa a vutà,

gh’è gent che guarda tropp i so interess.

Senza ritegn vöran bütà ‘n dal cess

ula demucrazia e la libertà.

 

Sügütan di che ‘sti bilateraj

vann mia tucaa, senò l’è un teremott.

E inscì tüta la gent la ciapa-sott

par l’interess dumà di indüstriai.

 

Se i gent hann decidüü par “negru-o-bianch”,

vöran che i robb ai vàgan fin in fund,

senza inventà giüghitt da saltimbanch.

 

E liberass da tütt quii tai cuntratt,

che ma fa sentì “schiavi” in dal nost mund,

par salvà  l’interess da “Vulp e ‘l Gatt”.

 

            © Edo Figini 26 sett. 2016.

 

Traduzione

 

Accordi stonati

 

Da quando il nove febbraio, siamo andati a votare,

c’è gente che guarda troppo i propri interessi.

Senza ritegno vogliono buttare nel cesso

la democrazie e la libertà.

 

Dicono che non si possono toccare i bilaterali

altrimenti è una catastrofe.

E cosi tutta la gente si fa infinocchiare

per l’interesse dei soli industriali.

 

Se la gente ha deciso come ha deciso,

vuole  che le cose vadano portate fino in fondo,

senza inventare contorsionismi da saltimbanchi.

 

E liberarsi una volta per tutte di quegli accordi

che ci fanno sentire schiavi in casa nostra,

per salvare gli interessi di “Gatti e Volpi”.

Comments are closed.

« »