Toni Brunner: la democrazia c’è quando vive il pluralismo d’opinioni

Lug 23 • Dalla Svizzera, L'opinione, Prima Pagina • 353 Views • Commenti disabilitati su Toni Brunner: la democrazia c’è quando vive il pluralismo d’opinioni

Articolo apparso nel St. Galler Tagblatt del 19 luglio 2021

Toni Brunner, già presidente di UDC Svizzera, è ristoratore e contadino di montagna in Toggenburgo, e membro del comitato referendario «NO ai media finanziati dallo Stato».

Con la nuova legge sui media, un altro settore si rende dipendente dallo Stato. Si tratta di una questione delicata, perché le sovvenzioni non contribuiscono a diversificare il panorama dei mezzi di comunicazione.

Quando ero giovane, in Toggenburgo c’erano quattro diversi giornali cui ci si poteva abbonare. A Ebnat-Kappel usciva due volte a settimana il nostro «giornalino», il «Toggenburger Nachrichten», edito da Walter Fuchs. A Bazenheid c’era la casa editrice Kalberer, che pubblicava l’«Alttoggenburger». A Wattwil, «Der Toggenburger» era il giornale locale e l’alto Toggenburgo era servito dal W&O, il «Werdenberger & Obertoggenburger» di Buchs, all’epoca anche casa editrice indipendente.

Ciò che accade in Toggenburgo è il riflesso di ciò che sta accadendo in tutta la Svizzera

Nel frattempo, la concentrazione dei media ha colpito anche il Toggenburgo. Dei quattro editori di giornali originali, nessuno è sopravvissuto indipendentemente. A poco a poco, la maggior parte degli editori sono stati inghiottiti dal «St. Galler Tagblatt», mentre il «Toggenburger Tagblatt», come il «Tagblatt», appartiene all’associazione CH Media, una joint venture dei media regionali NZZ e di tutti i media AZ dell’editore Peter Wanner. Ciò che accade in Toggenburgo è il riflesso di ciò che sta accadendo in tutta la Svizzera. Molte piccole testate scompaiono o vengono inghiottite da grandi gruppi mediatici. I giornali stanno perdendo abbonati, i nuovi mezzi di comunicazione elettronici stanno acquisendo importanza. È l’era dell’online. Il parlamento di Berna ha elaborato una nuova legge. Si chiama: pacchetto di misure a favore dei media. Dopo che le case editrici sono state generosamente compensate con ulteriori sovvenzioni nel periodo del coronavirus, ora si vuole fare un ulteriore passo avanti. Circa 180 milioni di franchi l’anno per dieci anni (dunque circa due miliardi di franchi svizzeri) saranno spesi per la riduzione delle tasse sui trasporti, per la consegna anticipata e domenicale di quotidiani e settimanali, per agenzie di stampa, il Consiglio della stampa, la formazione e la formazione continua. Anche i media online beneficeranno ora di sovvenzioni, ma solo se non possono essere utilizzati gratuitamente, vale a dire solo se installati in paywall.

Chi paga i suonatori, sceglie la musica

Un altro settore si rende dunque dipendente dallo Stato e, in questo caso, la questione è delicata. In uno Stato liberale e democratico, dei media liberi e indipendenti sono indispensabili. I media hanno il compito di bacchettare sulle dita i governanti. E non di fungere da relatori di singoli consiglieri federali. Ma proprio questo si è potuto osservare durante il periodo pandemico. Chi paga i suonatori, sceglie la musica.

Se le grandi case editrici come Ringier, il Gruppo Tamedia, l’NZZ o la famiglia Wanner sono generosamente sponsorizzate dallo Stato, sarà difficile ottenere dei resoconti indipendenti e critici nei confronti della Berna federale. Inoltre, la nuova generosa promozione dei media non contribuisce per nulla alla diversificazione del panorama mediatico. Al contrario, le grandi case editrici ne beneficiano, l’informazione unica si consolida e i piccoli giornali gratuiti indipendenti e i portali online che distribuiscono le loro notizie gratuitamente vengono penalizzati. Dunque, non una legge per aiutare una maggiore diversità mediatica a sfondare, non una legge per molti, ma solo per pochi (grandi).

Vada come deve andare. Una nuova legge controversa sarà valutata dal popolo. La democrazia diretta c’è quando un popolo può fermare gli sviluppi indesiderati. La democrazia diretta c’è quando entrambe le parti possono dire la loro in un giornale. La democrazia diretta c’è quando qualche «virgola» non è gradita a tutti, ma un punto di vista contrario viene comunque rispettato. La democrazia diretta c’è quando il pluralismo di opinioni è vivo. E non muoiono ulteriori «giornalini».

 

Comments are closed.

« »