Successo nella raccolta firme contro la costosa e falsa legge sulla protezione del clima

Gen 27 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 245 Views • Commenti disabilitati su Successo nella raccolta firme contro la costosa e falsa legge sulla protezione del clima

Il referendum dell’UDC contro la costosa e falsa legge sulla protezione del clima è chiaramente riuscito con oltre 100.000 firme. Ciò dimostra chiaramente che nel bel mezzo di una crisi energetica, gli elettori non sono favorevoli a un divieto di circolazione per le auto a benzina e diesel. Inoltre, non vogliono dover smantellare i sistemi di riscaldamento a gas e a olio tuttora funzionanti. Così, il 18 giugno 2023, il Popolo avrà l’ultima parola su questa falsa e costosa legge sulla protezione del clima.

Il referendum contro la legge federale sugli obiettivi di protezione del clima ha avuto successo con 103’877 sottoscrizioni. L’UDC è soddisfatta di questo successo. La legge è costosa, falsa e pericolosa. Pur avendo già ora troppo poca elettricità, si vogliono vietare l’olio da riscaldamento, il gas, il diesel e la benzina quali fonti energetiche. Il riscaldamento e la guida sarebbero possibili solo con l’elettricità. Ciò significa un aumento massiccio della domanda di energia elettrica e un aumento dei costi! Ciononostante, l’offerta di elettricità sufficiente e conveniente in inverno sarà tutt’altro che adeguata.

Marcel Dettling, consigliere nazionale (SZ) e vicepresidente dell’UDC, sottolinea quindi l’importanza del referendum: «Il popolo è stato ingannato con la Strategia energetica 2050 – e sarà ingannato di nuovo con la nuova legge sulla protezione del clima. Deve quindi conoscere tutti i fatti e avere l’ultima parola». La crisi energetica in Svizzera è ulteriormente aggravata da un’immigrazione di massa fuori controllo.

Costi elevatissimi per una «favola»

Questi fatti includono i costi vertiginosamente elevati. L’irrealistica e ideologica conversione dell’approvvigionamento energetico causa costi stimati in diverse centinaia di miliardi di franchi svizzeri! A pagare saranno chiamati i proprietari di case e gli inquilini, i conducenti di auto, camion e moto, le famiglie e le imprese. In breve: tutti noi.

«Il successo del referendum dimostra che molti Svizzeri non credono più alla favola di una transizione energetica priva di problemi ed economicamente vantaggiosa», afferma Michael Graber, consigliere nazionale vallesano e presidente del comitato referendario. I politici non hanno un piano su come funzionerà l’eliminazione graduale dei combustibili fossili e dell’energia nucleare. La situazione potrebbe peggiorare drasticamente già dal prossimo inverno. C’è semplicemente troppa poca elettricità in Europa e in Svizzera. La nuova legge sulla protezione del clima è falsa anche perché pretende che la Svizzera possa salvare il clima a livello mondiale».

Arrestare il collasso dell’approvvigionamento energetico

Il consigliere nazionale Christian Imark (SO) chiarisce quindi: «Dobbiamo fare tutto il possibile per produrre autonomamente elettricità sufficiente e ridurre la nostra dipendenza dall’estero. Chiunque studi seriamente questo argomento sa che le energie rinnovabili non forniscono elettricità sufficiente in inverno».

Imark prosegue sottolineando che la nuova legge consentirà al Consiglio federale di imporre autonomamente regolamenti e divieti di ampia portata. «Ciò comprometterebbe il federalismo e la democrazia diretta verrebbe calpestata. Tutti noi non avremmo più la possibilità di esprimerci!».

Grazie al successo del referendum, i cittadini potranno ora fermare questa pericolosa deriva e arrestare il collasso di un approvvigionamento energetico sicuro e conveniente.

 

Comments are closed.

« »