Studio sulla “frontalierexit”: la SUPSI non era in grado di farlo?

Gen 23 • Dal Cantone, Dall'UDC, Prima Pagina • 548 Views • Commenti disabilitati su Studio sulla “frontalierexit”: la SUPSI non era in grado di farlo?

Echi dal Gran Consiglio

Tiziano Galeazzi, Deputato UDC in Gran Consiglio

Un’interrogazione del nostro deputato Tiziano Galeazzi *

Abbiamo appreso dai media che è stato commissionato dal Governo uno studio all’Università di Lucerna per capire l’impatto giuridico di una disdetta unilaterale, da parte della Confederazione Svizzera, dell’accordo sulla fiscalità dei frontalieri del 1974. Che si debba iniziare a studiare altre ipotesi al di fuori dell’accordo è comprensibile, dato che per cinque anni l’Italia non ha mai preso seriamente in considerazione la firma del nuovo accordo sui frontalieri parafato nel dicembre del 2015 e basato sulla roadmap, firmata dai due Governi nel febbraio dello stesso anno, che andava pure a regolare la possibilità per gli istituti finanziari svizzeri di poter operare sul mercato italiano. Questo mancato accordo è già stato oggetto da parte dell’UDC e della Lega dei Ticinesi di vari atti parlamentari sul congelamento dei ristorni da parte del Cantone Ticino da versare all’Italia. Una mia ultima mozione (n. 1452) risale al 10 dicembre 2019. Tuttavia, l’oggetto di questa interrogazione non è lo studio in sé, bensì a chi è stato conferito; l’Università di Lucerna. Pur essendo un istituto rispettato e rispettabile, infatti, si tratta di un ente fuori Cantone pertanto stupisce la mancata assegnazione dello studio all’ateneo ticinese, che dispone di personalità competenti e riconosciute, così come di un Centro competenze tributarie, parte proprio della SUPSI. Quest’ultima che percepisce sostanziosi contributi finanziari dal Cantone Ticino, che forma personale e che per anni ha trattato il dossier in questione. Increduli da questo mandato fuori Cantone, chiediamo al Governo:

  1. Quali sono le ragioni che hanno spinto il Consiglio di Stato a rivolgersi oltre Gottardo per commissionare uno studio giuridico sulla possibilità di disdire unilateralmente l’accordo sui frontalieri?
  2. Perché questo studio non è stato commissionato direttamente a personalità competenti e riconosciute domiciliate in Ticino oppure al Centro competenze tributarie, istituto che si occupa di questioni fiscali nazionali e internazionali?
  3. Qual è l’ammontare dell’importo del mandato pattuito con l’Università di Lucerna?

 

* per il Gruppo UDC

Comments are closed.

« »