Premi di cassa-malati inaccessibili?

Ott 23 • L'opinione, Prima Pagina • 49 Views • Commenti disabilitati su Premi di cassa-malati inaccessibili?

Alcune riflessioni sul tema della medicina a due velocità, sulla responsabilità personale e sulla medicina di Stato

Milagros Burkhard-Garcia
Dr.med.UST

Rolando Burkhard Dr.rer.publ.HSG

 

 

 

 

 

 

L’avrete notato anche voi: tutto è diventato più costoso. Shopping, benzina alla stazione di servizio, ecc. E questo probabilmente continuerà, se non altro a causa dell’inflazione e dei prezzi dell’energia. A partire dall’anno prossimo, ovviamente, dovremo pagare premi di cassa-malati molto più alti: in media circa il 7%, a volte oltre il 10%. Chi può ancora permetterseli? Ovviamente, molti non possono permetterselo già adesso. Già nel 2020, un numero crescente della nostra popolazione, per un totale di 2,4 milioni di persone, aveva bisogno di un esonero o di una massiccia riduzione dei premi sovvenzionata dallo Stato. Si tratta del 27,6% di tutti gli assicurati in Svizzera (in Ticino, per quanto ne sappiamo, è di ben oltre il 30%). Con gli aumenti dei premi previsti per il 2023, questa quota aumenterà ancora una volta in modo massiccio.

Tutto viene pagato…

Tutto ciò solleva questioni spinose. In Svizzera abbiamo un’assistenza sanitaria costosa e di alta qualità. Chiunque può utilizzarla in qualsiasi momento, anche inutilmente. Perché i costi sono presi a carico dalle compagnie di assicurazione sanitaria o dallo Stato attraverso la riduzione dei premi. In entrambi i casi, tuttavia, in termini di premi assicurativi, pagano tutti coloro che utilizzano l’assicurazione solo in caso di necessità, e in termini di riduzione dei premi statali, pagano gli altri contribuenti.

Dubitiamo che ciò possa continuare ancora a lungo. Certo, da anni si cerca di ridurre i costi della salute (prezzi dei farmaci, durata delle degenze ospedaliere, aumento delle cure ambulatoriali, inviti governativi a una vita più sana, ecc. ecc. ), ma questo da solo non costituisce una soluzione, perché il problema principale – l’uso eccessivo del sistema sanitario sovvenzionato – rimane, e i fornitori di servizi nel campo della salute (ospedali, medici, terapisti, psicologi e psichiatri, industria farmaceutica, ecc.) ne traggono tutti profitto; e anche le compagnie di assicurazione sanitaria si battono solo a metà per ottenere miglioramenti, perché tanto non sostengono direttamente alcun costo, ma sono solo stazioni di ridistribuzione dei costi: se la situazione si fa più costosa, aumentano semplicemente i premi. Quindi nessuno ha davvero interesse a contenere i costi, e di fatto non succede quasi nulla. Ci vorrebbe un cambiamento radicale di sistema e di mentalità per migliorare le cose.

La cura miracolosa dell’autoresponsabilità?

Non esiste una cura miracolosa per il contenimento dei costi nel settore sanitario. Ma forse una cosa potrebbe aiutare: una maggiore responsabilità personale. Con questo non intendiamo solo – è ovvio – che tutti noi dovremmo prestare maggiore attenzione a come ci manteniamo in salute per evitare il più possibile di ammalarci. No, intendiamo soprattutto un atteggiamento personale e uno stile di vita radicalmente diverso per quanto riguarda l’assunzione dei costi della salute. Ecco tre considerazioni:

  1. Coloro che vogliono sempre usufruire di servizi medici super costosi, o addirittura di lusso, devono poter continuare a riceverli in qualsiasi momento, cosa che la nostra infrastruttura medica super dimensionata è ben lieta di fare. Ma dovrebbero pagare loro stessi per intero, come avviene nella maggior parte degli altri paesi. Chi non vuole o non può farlo dovrebbe accontentarsi di un’assistenza medica sovvenzionata, ma molto più modesta, che non va oltre le cure di emergenza. Il sistema sanitario di Singapore ha mostrato la strada, e funziona molto bene.
  2. Le malattie sono spesso imprevedibili, così come le spese sanitarie necessarie. Occorre quindi che tutti noi risparmiamo i mezzi finanziari necessari per la malattia e li mettiamo da parte a questo scopo. Questo vale già per il pagamento dei premi della cassa-malati. Naturalmente, per i ricchi questo potrebbe non essere un problema, ma per i meno abbienti significherebbe un certo sacrificio nei consumi. In altre parole, magari rinunciando a vacanze costose o all’acquisto di un’auto di lusso, o spendendo un po’ meno in elettronica e capi d’abbigliamento superflui, per avere invece qualcosa da parte per pagare i premi e il costo delle cure in un caso sempre possibile di malattia.
  3. Purtroppo, a causa dell’attuale sistema sanitario fin troppo comodo, questo viene fatto in modo inadeguato, e ciò si traduce spesso nella necessità di aumentare lo sgravio dei premi da parte dello Stato e la partecipazione pubblica ai costi sanitari privati dei presunti «poveri» non paganti. Con l’effetto complessivo di aumentare enormemente i costi per i normali pagatori di premi e tasse. Coloro che sono considerati «poveri» e perciò meritevoli di sostegno non dovrebbero quindi essere valutati solo in base al loro reddito, ma anche in base a come e per cosa spendono i loro soldi. Perché, scusate, se uno ha sufficienti fondi per finanziarsi delle vacanze costose, per esempio, non si capisce perché quei soldi non possa risparmiarli e pagare i premi della cassa-malati. Gli abusi del nostro troppo comodo sistema sociale di sinistra sono fin troppo noti. Beninteso, le persone veramente povere dovrebbero ovviamente continuare a essere sostenute; ma non è assolutamente comprensibile che quasi il 30% della popolazione del paese più ricco del mondo dipenda dal sostegno dello Stato per la propria salute; chi si trova temporaneamente in difficoltà a pagare i premi dell’assicurazione malattia, dovrebbe pin seguito essere obbligato a restituire le riduzioni dei premi concesse di volta in volta, limitando il proprio benessere personale.

Una conclusione in tre parole chiave

Tutto ciò che abbiamo spiegato qui può essere riassunto in tre parole chiave. Primo: medicina a due velocità. Sì, certo, la parola può essere dichiarata «Parolaccia dell’anno», ma è una realtà mondiale, inevitabile anche nel nostro paese e in parte è già un dato di fatto (come pazienti privati o nel reparto comune degli ospedali?). In secondo luogo, la responsabilità personale. Sì, questo può sembrare abbastanza sconvolgente in termini di conseguenze per i viziati, ma è inevitabile; perché coloro che evitano di pagare i costi sanitari per intero per pura convenienza stanno agendo in modo irresponsabile e antisociale e stanno distruggendo il nostro sistema sanitario. In terzo luogo, la medicina di Stato. Questo sistema completamente inefficiente a livello internazionale, già postulato dalla sinistra, ci minaccia se non realizziamo presto un sistema sanitario più efficiente e molto più autoresponsabile in termini di copertura dei costi. 

 

Un pollo per il dottore

Nelle Filippine abbiamo un classico sistema medico a due livelli. Pochissime persone hanno un’assicurazione sanitaria sufficiente a coprire le spese mediche, perché semplicemente non possono permettersi i premi. Pertanto, si recano dal medico solo in caso di emergenza. Per il momento, le persone si aiutano da sole o con l’aiuto di “spin doctor”, cioè di guaritori che lavorano sul posto e non hanno una formazione medica professionale. Nelle zone rurali povere, i medici formati sono spesso pagati solo con prodotti agricoli che si portano con sé alla visita (un pollo, un casco di banane, ecc.); l’ho sperimentato io stessa come medico rurale, e per quanto possibile abbiamo anche dato alla gente dei medicinali gratuiti che avevamo ricevuto come campioni dalle case farmaceutiche). Se qualcuno doveva comunque andare in ospedale, salvo che per i casi di emergenza, la procedura è la seguente: per ottenere rapidamente un posto letto, è necessario avere ottimi rapporti con la direzione dell’ospedale e/o disporre delle finanze sufficienti. Altrimenti, passerete secoli seduti o sdraiati nei corridoi dell’ospedale. Se finalmente si ottiene un letto, i parenti del paziente devono portare e cambiare loro stessi le lenzuola, devono sempre assicurarsi che il paziente abbia cibo a sufficienza e devono anche pagare da soli la maggior parte delle medicine più costose.

Vogliamo arrivare a questo anche qui in Svizzera? Certo che no. Le condizioni qui sono completamente diverse. Perché, a differenza delle povere Filippine, qui nella ricca Svizzera ben oltre il 90% della popolazione – se lo volesse davvero – avrebbe abbastanza soldi per pagare l’intero premio dell’assicurazione sanitaria e continuare così ad assicurarsi una buona assistenza medica senza bisogno di sussidi. A differenza delle Filippine – dove lo Stato, con circa 100 milioni di abitanti, perlopiù a basso reddito, distribuiti su 7.000 isole, non ha abbastanza soldi – qui nella ricca Svizzera ci permettiamo il lusso di fornire un sostegno finanziario attraverso riduzioni dei premi sovvenzionate dallo Stato a persone che non ne avrebbero affatto bisogno, se avessero una minima responsabilità personale. Al momento è circa il 30%, il che fa ridere i polli!  Questo non può andare avanti a lungo, nemmeno nel nostro paese. Prima o poi, nelle condizioni attuali, i fondi apparentemente illimitati dello Stato diventeranno scarsi, le prestazioni dovranno essere tagliate e a soffrirne saranno soprattutto coloro che ne hanno più bisogno: i veri poveri che non sono responsabili dei propri costi sanitari!

Mila Burkhard

Comments are closed.

« »