Perché mi candido al Consiglio comunale di Avegno Gordevio

Mar 6 • Dai Comuni, Dall'UDC, L'opinione, Prima Pagina • 425 Views • Commenti disabilitati su Perché mi candido al Consiglio comunale di Avegno Gordevio

Mi sono messo a disposizione con grande entusiasmo per la lista civica “La nuova Avegno Gordevio”. Ho 33 anni, locarnese per nascita (sono nato il 26 ottobre, lo stesso giorno di Hillary Clinton e dell’anniversario della codifica delle regole del calcio), valmaggese da poco (abito qui dal 2018), svizzerotedesco nell’animo (metà lucernese, so pronunciare la parola “chuchichäschtli”), ed ero candidato alle ultime Elezioni cantonali con l’UDC. Queste le informazioni di base ma perché mi candido? Mi sta a cuore il benessere degli abitanti del mio Comune, l’hanno già detto? Scherzi a parte faccio fatica a scrivere i motivi per cui ho scelto di mettermi a disposizione per le prossime elezioni, per il semplice fatto che il rischio di cadere nelle frasi fatte è grande; è ovvio che mi sta a cuore il benessere dei miei concittadini!

Provo ugualmente a sintetizzarli:

1) Si tratta di un’occasione per ampliare la propria rete di conoscenze e forse anche di amicizie. Quindi per una questione anche relazionale, sociale e umana.

2) Avrei il sincero piacere di farlo. Partecipare, discutere, prepararsi alle riunioni, ecc. Sarei pronto ad assumermi questa responsabilità.

3) Mi sono sempre interessato alla politica. Mi piace leggere ed essere informato anche sulle questioni politiche. Sono pronto per agire anche dall’altro lato della “barricata”.

4) So di poter dare qualcosa al mio Comune a livello di idee e suggerimenti. È vero che abito qui soltanto dal 2018, ma ho subito cercato d’ interessarmi alle questioni locali e sul computer ho salvato un file che si chiama “Idee per migliorare il mio Comune”; sarebbe bello poter tirar fuori dal cassetto questo scritto.

5) Se venissi eletto diventerebbe una bella storia di famiglia da raccontare. Organizzerei in seguito un aperitivo per festeggiare con tutti. Suona male?

A questi punti aggiungo il paragrafo di un articolo che ho letto tempo che diceva: “Perché non prendere in considerazione l’ipotesi che, oltre alla convenienza personale, ci possa essere l’impegno pubblico a sollecitare un inserimento in lista? Lamentiamo spesso l’eccesso di critica e il difetto di partecipazione. Se poi la partecipazione c’è, e viene individuata come portatrice del sospetto, che cos’altro dobbiamo pretendere da un paese malato perché possa ridiventare sano? Si può anche giocare per perdere la propria partita individuale, se vestire la maglia significa, sia pure in minima parte, aiutare a vincere la squadra. Il compenso materiale non è indispensabile, basta quello morale”.

Credo che questo rappresenti alla perfezione il succo della mia candidatura, intrisa anche della giusta dose d’idealismo.

Per maggiori informazioni potete scrivere a bubiberta@hotmail.com. L’invito che faccio a tutti i cittadini di Avegno Gordevio è quello di sostenere la lista 2 e il candidato 2 al CC. Grazie!

Alessandro Berta (“Bubi”), candidato al Consiglio comunale con La nuova Avegno Gordevio (lista 2, numero 2)

Comments are closed.

« »