Le acrobazie di Gerhard Pfister

Lug 8 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, L'opinione, Prima Pagina • 185 Views • Commenti disabilitati su Le acrobazie di Gerhard Pfister

Thomas Burgherr
Nationalrat, Wiliberg (AG)

Il Presidente del Centro (ex PPD) auspica l’introduzione di dazi sul clima e la fornitura di munizioni agli Stati in guerra. Ieri invece sosteneva l’esatto contrario. Con la sua politica di sinistra, Pfister non solo sta distruggendo la propria credibilità, ma anche il modello di successo svizzero.

La sua ultima proposta potrebbe essere uscita direttamente dai laboratori della «Gauche caviar» e dei Verdi paternalisti. Nel fine settimana, Gerhard Pfister ha invocato nuove tasse su tutte le emissioni di CO2. Per i biglietti aerei, per i prodotti importati, per tutto. I giornali del gruppo CH Media, che hanno lanciato le idee di Pfister sulla cura dell’eco-coppettazione, hanno parlato di «piani radicali». C’è stato un applauso da parte dei rossoverdi. Ma il prezzo sarebbe elevato. La benzina, i voli, i beni di consumo diventerebbero enormemente più costosi a causa delle tariffe climatiche di Pfister. Per molti cittadini, ma anche per le PMI, la soglia del dolore è già stata raggiunta. La benzina non è mai stata così cara. E il popolo non ha forse respinto la legge sulla CO2, che prevedeva proprio queste tasse?

Il voltagabbana Pfister sull’abbandono del nucleare

Fino a poco tempo fa, Pfister era considerato la roccia conservatrice del Centro, ex PPD. Il partito noto come campione del mondo di slalom politico. Ma ora, il presidente sta superando tutti con la sua agilità.

Ciò non è evidente solo nella politica climatica. Solo pochi mesi fa Pfister ha votato a favore di un inasprimento della legge sull’esportazione di materiale bellico. Per poi chiedere l’esportazione di materiale bellico a Stati in guerra come l’Ucraina. Anche il quotidiano di sinistra Tages-Anzeiger non ha visto di buon occhio questo «salto mortale al Centro».

Per Pfister, ciò che era vero ieri non è più vero oggi. «Gerhard Pfister è contrario all’abbandono del nucleare e mette in guardia dall’arroganza parlamentare», scriveva la NZZ am Sonntag nel 2014. Dire una cosa, farne un’altra: questo è il motto di Pfister e del suo partito. Perché cosa hanno fatto subito dopo? Con la consigliera federale Doris Leuthard al timone, hanno attuato l’abbandono del nucleare e reso omaggio all’«arroganza» di influenzare il clima globale con misure politiche nella piccola Svizzera. E chi sta marciando in prima linea con i suoi «piani radicali» (CH Media)? Il voltagabbana Gerhard Pfister.

Il presidente del Centro si smonta da solo

L’aspetto pratico di questi politici banderuola è che si contraddicono nel modo più evidente e quindi si smantellano subito. Non c’è modo migliore per dirlo di come l’ha detto dazi-climatici-Pfister nell’ottobre 2013 («Preservare la Svizzera come modello di successo»): «Le nostre emissioni di CO2 possono essere elevate», ha scritto all’epoca. «Ma quello che la Svizzera emette in un anno intero, la Cina lo emette in due giorni. Dobbiamo chiederci se stiamo davvero stabilendo le nostre priorità, se facciamo tutto il possibile a scapito della Svizzera come luogo di produzione, in modo che la Cina abbia bisogno di un solo giorno per le nostre emissioni annuali in futuro».

Esattamente, caro Gerhard Pfister, dobbiamo pensarci bene. Oggi le vostre politiche stanno distruggendo la base industriale della Svizzera, che ieri dicevate di voler difendere. Se tu dici volontariamente addio alla politica seria, è un problema tuo. Ma se tu, insieme alla sinistra unita, distruggi il modello di successo della Svizzera, è un problema di tutti noi. L’UDC non è d’accordo!

 

Comments are closed.

« »