Chi tropp vöör

Lug 12 • L'opinione, Prima Pagina, Sport e Cultura • 868 Views • Commenti disabilitati su Chi tropp vöör

Le poesie dialettali di Edo Figini

Gh’eva ‘na volta, (pulitica lucaal)

düü gross partii, amiis ‘mè can-e-gatt:

Vün tütt da Gesa, (che evan j’uregiatt)

l’altru antecrist. Ul partii liberaal.

Spartivan la pulitica, (i cadreeg)):

Tantu ga demm, e tantu gh’emm da veegh.

 

Finchè un bel dì, a gh’è cambiaa ‘m puu tütt.

I Gent s’inn istüfii di solit ball,

cui “solit” a ‘raffà cumè ‘n sciacall.

S’inn incalzaa par ben. Propi da brütt.

E s’è furmaa un “gruppo trasversaal”,

cunt’un sücess, disemm, fenumenaal.

 

Adess, vedendu i voti a dislenguass,

ai curan ai ripaar da repetun,

parlandu da fa “lista a cungiünziun”

cumè s’avessan mai cessaa d’amass.

Tütt par duma pudé ricunfermà

cadreeggh che vöran propi mia mulà.

 

Ciué ‘n’üniun che fa ingrupà j’büsecch,

da faagh tremà la feed ai sò eletuur.

E mi ma paar da gia sentì l’uduur

d’un risültaa che vaar men d’un fiigh-secch.

Parchè sa sà che ‘nfin a tropp vuré,

inveci da nà ‘nnanz, sa và pa’ndré.

 

Ai perdarann ammò vuut tütt e düü !

(E a ‘n quei vidünn, ga ridarà ‘nca ‘l cüü.)

 

© Edo Figini 6 lug. 2019

 

Traduzione

 

Chi troppo vuole

C’era una volta, (politica locale)

due grossi partiti nemici per la pelle.

Uno tutto Chiesa, i conservatori,

l’altro anticlericale, i liberali .

Si ripartivano la politica, cioè le “cadreghe”:

una a me e una a te.

 

Finché un giorno è cambiato tutto.

La gente si è stancata delle solite balle,

con i soliti ad arraffare come sciacalli.

Si sono incazzati, proprio di brutto.

E si è formato un “gruppo trasversale”

con un successo, diciamo, fenomenale.

 

Adesso vedendo i loro voti ad assottigliarsi,

corrono ai ripari di botto,

parlando di lista congiunta

come se non si fossero mai odiati.

Il tutto solo per riconfermare

le loro cadreghe che non vogliono proprio mollare.

 

Cioè un’unione che fa arricciare le budella,

da far tremare la fede dei loro elettori.

E mi pare già di sentire l’odore

di un risultato che vale meno di un fico secco.

Perché si sa che chi vuole troppo,

invece di avanzare, retrocede.

 

Perderanno ancora dei voti entrambi!

(E qualcuno riderà di gusto.)

 

Comments are closed.

« »