UDC Ticino lancia due iniziative popolari: l’abolizione della tassa di collegamento e la neutralizzazione dell’aumento dei valori di stima

Lug 8 • Dal Cantone, Dall'UDC, Prima Pagina • 217 Views • Commenti disabilitati su UDC Ticino lancia due iniziative popolari: l’abolizione della tassa di collegamento e la neutralizzazione dell’aumento dei valori di stima

 

L’UDC persegue la sua azione in favore dei ticinesi, in particolare quelli del ceto medio e le PMI per difenderli da nuove tasse e balzelli e per tutelare il loro potere d’acquisto, soprattutto in questo difficile momento.

Il partito nazionale si è recentemente battuto alle Camere federali per ottenere un abbassamento delle tasse sulla benzina, purtroppo però, oltre alla sinistra, sia PLR che PPD hanno rifiutato di dare una risposta ai cittadini colpiti dal caro benzina.

Il Comitato cantonale, riunitosi martedì 21 giugno a Gordola, ha deciso di lanciare due iniziative popolari per difendere i contribuenti:

  • Abolizione della tassa di collegamento: un’imposta che era stata venduta come la tassa contro i frontalieri, che si è invece rivelata un balzello a carico dei Ticinesi, e che ha già dimostrato di essere inutile e inefficace per la riduzione del traffico, proprio in ragione del fatto che è già applicata dalle aziende;
  • Neutralizzazione dell’aumento di valori di stima: il Cantone dovrà adeguare i valori di stima secondo quanto definito dalla Confederazione. Per l’UDC questa modifica non deve però impattare negativamente sulle tasche dei proprietari di casa. Per questo motivo l’iniziativa chiede che la misura risulti neutra agendo sulla riduzione delle aliquote di prelievo. Questa iniziativa mette al riparo i proprietari di casa – ma anche gli inquilini che sarebbero indirettamente colpiti dal balzello con l’aumento dell’affitto – dalle mire della sinistra che ha già ventilato l’idea di prelevare 100 milioni aggiuntivi ai cittadini approfittando dell’aumento dei valori di stima.

Dopo aver vinto davanti al popolo con il referendum finanziario obbligatorio e il decreto Morisoli, strumenti atti al controllo delle finanze pubbliche e per tenere calmierato l’aumento della spesa pubblica, l’UDC lancia due nuove iniziative popolari, creando un comitato interpartitico, affinché più forze politiche e più rappresentanti di categoria possano portare il loro contributo.

Nella stessa seduta, il comitato cantonale ha inoltre eletto i due Vice Presidenti del partito, Roberta Soldati e Pierluigi Pasi.

 

Comments are closed.

« »