Storiella surreale da non prendere troppo sul serio

Set 18 • L'opinione, Lettori, Prima Pagina • 8 Views • Commenti disabilitati su Storiella surreale da non prendere troppo sul serio

Sul lontanissimo pianeta Teta, la narrativa del Potere, tramite i media mainstream racconta che chi viene infettato da una nuova malattia chiamata Covid19, non sa di essere ammalato finché non fa il test del tampone.

Se una persona risulta positiva, allora vuol dire che ha beccato il famigerato ComicVirus. Ma che strana malattia quella che nella maggioranza dei casi non presenta nemmeno dei sintomi.

Però i telegiornali sono straripanti di numeri allarmanti dei nuovi contagi. Spaventare la gente è il nuovo mantra delle emittenti televisive, tutte sotto il diretto controllo del Potere.

E viene introdotta una nuova regola, la distanza sociale. Le persone non devono avvicinarsi troppo, non meno di 2 metri. Il virus si ferma a 2 metri, oltre non c’è pericolo! Anche le pulci non riescono a saltare fino a 2 metri.

Se poi c’è una parete in plexiglass si può stare tranquilli, il virus non la vede e ci sbatte contro, come gli uccelli contro le vetrate. Inoltre si può stare accanto a un contagiato al massimo 15 minuti. Il virus ha l’orologio e attacca solo dopo questo tempo.

Ulteriore regola: girare mascherati, con una specie di museruola, la mascherina. Sulla confezione c’è l’avviso che la mascherina non protegge dal virus, ma serve a tranquillizzare.

Nei simboli dell’antichità gli schiavi erano obbligati a indossare una specie di mascherina.

Oppure si può optare per una visiera tipo saldatore, sempre in plexiglas. Come per il parabrezza dell’auto su cui i moscerini si spiaccicano. Stesso effetto, virus spiaccicati sulla visiera. Ricordarsi tuttavia di azionare il lavavetro ogni tanto.

Altra regola; nei ristoranti e nei bar, se uno si alza in piedi deve mettersi la mascherina, se invece si rimane seduti il virus passa via sopra e sfiora solo le teste.

Ma guai a chi pone delle domande o dei dubbi su tale narrativa. Viene  subito accusato dal Potere di essere un complottista, negazionista, cospirazionista, ecc. E come tale viene deportato nei centri di raccolta per gli asintomatici.

I nuovi eretici  sono coloro che non si adeguano alla dottrina imposta dal Potere.

Sarà una strana coincidenza, ma gli ambienti vicini al Potere sostengono l’allarmismo contro il virus, mentre gli indipendentisti credono a un esperimento sociale per sottomettere la popolazione.

Ma sarà proprio una pandemia oppure una pandemenza? È forse un virus che rincretinisce chi lo prende e chi ne ha paura? La paura di morire che supera la voglia di vivere.

L’unica cosa certa è che sul pianeta Teta la Verità  è stata bandita.

Il Potere promette che un vaccino e un microchip sottocutaneo faranno sparire il virus.

Forse al posto di un vaccino servirebbe un rimedio per risvegliare la gente da questa follia planetaria.

Storia finita? Lo sapremo forse nella prossima puntata.

Per fortuna il pianeta Teta è molto molto lontano dalla Terra.

 

Yoda

Comments are closed.

« »