Poliziotti messi in croce!

Gen 30 • L'opinione, Prima Pagina • 1372 Views • Commenti disabilitati su Poliziotti messi in croce!

Il delinquente invece la sfanga!

Leggendo di certe sentenze, ti chiedi se il mondo non stia per caso girando al contrario! Il dubbio è più che giustificato! Recentemente, due agenti della Polizia cantonale sono stati condannati, perché accusati da un ladro (!!!) avete capito bene, un ladro, di essere stato malmenato! Siccome in questo paese della cuccagna accogliamo solo gente per bene, come si deduce dai fatti di cronaca, ogni tanto può capitare – raramente, s’intende! – che qualche nostro ospite commetta dei reati: spaccio, stupri, rapine, aggressioni e altre lodevoli azioni, degne di considerazione, tanto da arrivare all’assurdo, quello che consiste nel “mettere in croce” con tanto di chiodi corrosi dalla ruggine, agenti di Polizia e permettere al delinquente di sfangarla!

Mettiamoci nei panni dei nostri agenti! Con quale spirito possono entrare in servizio, sapendo di essere costantemente nel mirino della giustizia, quella, per intenderci, rappresentata simbolicamente da una bilancia. Crediamo sia il caso di procedere a una totale revisione del meccanismo, convinti come siamo, che dando credito alla parola di un delinquente, rispetto a quella di due rappresentanti della Legge e di un certo numero di testimoni, la voglia di “servire e proteggere”, possa anche passarti!

Per non incorrere nelle ire buoniste e politicamente corrette, non andremo a discettare sull’etnia di colui che sostiene di essere stato malmenato. C’è sempre di mezzo la comprensione, quella voglia di capire, e di comunque – anche a costo di perigliose arrampicate sui vetri – di non infierire più di quel tanto nei confronti di gente, che del mentire spudoratamente, hanno fatto un’arte!

Il peggio è che sempre più spesso i giudici ci cascano e ci vanno con la mano leggera come una piuma!

Da tartassare, semmai, sono quei cattivacci di poliziotti, che probabilmente essendo stati pesantemente provocati con sputi, insulti diretti alle proprie madri e mogli, e anche gratificati di calci negli stinchi, hanno osato – giustamente – calmare i bollenti spiriti della “risorsa”, una delle tante, sorpresa a delinquere! Quindi aliquote, multe e altre sanzioni, nei confronti di coloro che non svolgono il mestiere più facile di questo mondo!

Secondo il giudice, la vittima (?) come riportato dalla stampa, citiamo: “ha sempre fornito racconti coerenti e lineari su quanto successo al momento del suo fermo, il 23 gennaio 2015. Lo stesso non si può dire, ha continuato il presidente della corte, sulle dichiarazioni fornite dai testimoni, ovvero 6 colleghi degli imputati.” (fdc)

La coerenza, “Vostro Onore”, richiederebbe un maggiore sostegno nei confronti delle nostre forze dell’ordine e non a favore dei farabutti che ospitiamo in casa! Quelli, sempre più spesso, se la ridono alla grande, poiché hanno capito che in Svizzera – se sei furbo – puoi sempre cavartela per il rotto della cuffia, e magari anche guadagnarci!

Semmai, se dovesse mettersi male, c’è sempre la possibilità di ricorrere al TF, tanto, a pagare le spese, ci penserà comunque Pantalone!

 

Drake

Comments are closed.

« »