La fatidica ora della Svizzera

Lug 9 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 273 Views • Commenti disabilitati su La fatidica ora della Svizzera

Il discorso di Christoph Blocher alle celebrazioni del 26 giugno a Morschach

Non ci siamo riuniti oggi per un funerale dell’accordo quadro con l’UE, ma per una celebrazione della rinascita della nostra patria, la Svizzera.

I. Decisione del Consiglio Federale del 26 maggio 2021

È qui che ci troviamo questa sera, e il luogo dovrebbe plasmare il discorso: stiamo festeggiando qui a Morschach – di fronte al prato del Grütli, la culla della Confederazione Svizzera. Festeggiamo perché una decisione coraggiosa e fatidica del governo nazionale ha difeso l’indipendenza e l’autodeterminazione della Svizzera.

Questo ci riempie tutti, incluso me come ex membro di questo consiglio, di gioia, orgoglio e gratitudine.

II. Elogio al Consiglio federale e al presidente della Confederazione

L’apparizione del nostro presidente della Confederazione, Guy Parmelin, a Bruxelles è anche un raggio di speranza.

Molte persone – amici e avversari – si sono sentiti sollevati nel vedere questo. Lì il presidente svizzero – il rappresentante del nostro popolo – da semplice viticoltore vodese con parole chiare e semplici, di fronte all’UE, sicura di sé, ha informato sobriamente che la Svizzera e l’UE non possono accordarsi sull’attuale accordo istituzionale e che quindi la Svizzera ha chiuso i negoziati. Ma le relazioni di buon vicinato possono continuare.

Sì, signore e signori, non c’è bisogno di persone altamente istruite e diplomatiche che conoscono tutti gli intrighi per dire una verità così chiara ed evidente. «Un uomo, una parola!» è sufficiente.

(Purtroppo non possiamo dire qui in pubblico ai nostri due consiglieri federali di persona quanto siamo contenti di loro, perché sono impegnati altrovecome consiglieri federali questa sera).

III. 1291 – 1848 – 26 maggio 2021

Gentili signore e signori,

«Non vogliamo giudici stranieri!» Così hanno dichiarato i Confederati nel loro Patto federale del 1291. E questo è rimasto il messaggio fino a oggi. In definitiva, questo è anche il messaggio della decisione del Consiglio federale del 26 maggio 2021: è il messaggio all’UE che – contrariamente ai suoi desideri – non diventerà il legislatore al posto del popolo svizzero. La Svizzera rimane come era, è e rimarrà. I governanti di tutto il mondo – per quanto importanti possano essere – devono saperlo. Sì, la Svizzera ha vissuto una specie di rinascita il 26 maggio 2021, dopo sette anni di difficili negoziati con un obiettivo negoziale ambiguo.

IV. Rinascita

Questa sera, il luogo ci impone di pensare al leggendario Patto federale del 1291. Qui, di fronte al Grütli, vogliamo farlo, dove una volta i confederati giuravano: «Vogliamo essere un’unica nazione di fratelli, / Senza avversità che ci separino dal pericolo. / Vogliamo essere liberi come lo furono i nostri padri, / […] e non temere il potere degli uomini». Questi contadini – analfabeti – erano saggi. Quello che hanno deciso sarebbe durato.

Ma ricordiamo anche Guglielmo Tell. È vero, non era presente al Grütli – anche se invitato. Non era né un leader né un seguace. No, un uomo lento, ponderoso, con un’autorità naturale, uno che agisce, e alla fine diventa un tirannicida. Un solitario, anche, un segregato, e pure un po’ strano. Nei suoi panni di pastore scese da Bürglen e fece la cosa umanamente giusta per una misteriosa forza interiore. Ha agito senza blaterare sui diritti umani. Tell era ed è un simbolo di resistenza.

La comunità ha bisogno di queste persone. E sul Grütli, la rappresentanza della comunità del popolo – senza di lui – ha poi riversato questa volontà di resistenza in parole e formule.

Il giuramento dei Grütli era diretto contro tutto ciò che minacciava la piccola comunità dall’esterno. Il Patto federale del 1291 non è un inno di lode al grande, all’organizzato. È un non piegarsi allo Stato amministrativo europeo-asburgico.

Proprio come allora, anche oggi siamo lontani dal cantare le lodi dell’UE. E questo, nonostante la presenza degli eterni immaturi – quelli che con le loro conoscenze scolastiche passano direttamente dall’aula universitaria alla sala del consiglio del Parlamento federale – che vorrebbero vedere la Svizzera nell’UE.

V. Il Patto federale e le sue conseguenze

No, dice il Patto federale. Il Patto federale non è altro che sfiducia, rifiuto e negazione. È un «NO» all’influenza ingiustificata dall’alto e dall’esterno. Il pensatore politico, Karl Schmid, la mette così: «Quella notte del 1291, nella piccola radura sotto le possenti pareti della montagna, l’unica parola fu “NO”. […] Che fosse un SÌ a ciò che si era naturalmente sviluppato, a ciò che si era naturalmente formato, a ciò che era organicamente venuto ad essere, lo sentivamo, era necessario esprimerlo perché, fino ad allora, non lo si poteva dire affatto. L’organico è in gran parte qualcosa di inconscio».

Ben presto questo NO, questa volontà di resistere, si rivelerà, nel 1315 alla battaglia di Morgarten, che fu fortunatamente vinta grazie a un messaggio inviato con una freccia: «Confederati, attenti a Morgarten!»

«Attenzione!» Signore e signori, questo saggio avvertimento è particolarmente valido oggi. Dopo il giuramento del Grütli, storicamente significativo, «Attenzione!» è stato il messaggio salvifico.

È particolarmente valido oggi dopo l’importante decisione del Consiglio federale contro l’integrazione istituzionale nell’UE: «Attenzione!» Perché il pericolo è stato scongiurato per il momento, ma non è scomparso. La corrente principale della «classe politique» si batte ancora per l’adozione automatica della legge, il potere decisionale dei giudici stranieri e la firma di un trattato che ci avrebbe traditi e che, con la clausola della doppia ghigliottina, avrebbe in effetti significato il divieto di rescissione.

Tutto questo tornerà sul tavolo prima o poi, purtroppo. Già la sinistra, i verdi, i verdi-liberali parlano di un nuovo trattato coloniale SEE e dell’adesione all’UE. Ma Roger Köppel ha detto giustamente cosa deve fare l’UDC. È bello constatare che abbiamo dei parlamentari così lungimiranti e, per di più, brillanti. Quindi, «Confederati, fate attenzione dentro e fuori da Palazzo federale».

VI. Il senso dei falò d’alta quota

Ecco perché i falò che l’UDC accende stasera in 26 cantoni non sono solo falò di ringraziamento, ma anche quello che sono sempre stati: falò che invitano il popolo svizzero alla vigilanza. E i falò sono di nuovo un promemoria stasera. Siate vigili!

Posso già sentire i sostenitori dell’UE che dicono: «Sono tutti miti questi che Blocher sta raccontando.»

Posso solo rispondere con Gottfried Keller: «Che siano accaduti, / non è il caso di chiederlo qui, / la perla di ogni favola è il suo significato. / Il nucleo della verità giace chiaro in esso, / il nucleo maturo di tutti i racconti popolari».

Signore e signori,

Resistere, questo è il compito dell’UDC, spesso da sola. Tutti contro l’UDC, è stato così negli ultimi anni e purtroppo rimarrà così.

È ciò di cui la Svizzera ha bisogno. La battaglia non è perduta, nonostante la superiorità matematica degli altri.

L’UDC, per esempio, è sempre stato l’unico partito di governo a combattere fin dall’inizio l’accordo quadro. Ha evitato da solo la disastrosa legge sul CO2. E ha giocato un ruolo chiave nel garantire che le iniziative agricole estremiste fossero respinte.

E questi sono solo gli esempi più recenti. Molti altri potrebbero essere menzionati a questo riguardo negli gli ultimi 30 anni. Senza l’UDC, la Svizzera non sarebbe uno «Stato federale, libero, democratico diretto, indipendente e prospero».

VII. Continuare così

Vale la pena continuare. La missione è chiara!

Cari concittadini, in segno di gratitudine a Dio vogliamo fare tutto ciò che è umanamente possibile per far sì che il nostro paese, la nostra Svizzera, la nostra patria, rimanga libera in futuro.

Questo non esclude il rispetto e l’amicizia con tutti i popoli del mondo. Non è necessario sacrificare la nostra libertà e rinunciare al diritto di decidere sul nostro suolo. E così ci rivolgiamo alla  nazione svizzera:

  • Viva la Svizzera
  • Vive la Suisse
  • Viva la Svizzra
  • Es lebe die Schweiz.

Comments are closed.

« »