Covid

Ott 29 • L'opinione, Lettori, Prima Pagina • 187 Views • Commenti disabilitati su Covid

Lucia Eggemann
Segretaria ds-SVP Tessin

Non se ne può più di sentire, la parola covid! Da tempo ormai non è più un problema pandemico, è piuttosto un problema sociale.

L’aggressività tra la società «spaccata» è enorme. Recentemente, ho dovuto sentire un membro della nostra UDC dire a un altro membro che tutti coloro che non sono vaccinati hanno il QI di uno scimpanzé.  Ancora peggio è stato quando un altro membro dell’UDC ha detto che a tutti coloro che non sono vaccinati si dovrebbe tagliare la testa. È evidente, non ha niente a che vedere con i singoli partiti, perché anche in essi le opinioni su questa pandemia sono divise. Sono scioccata da questa aggressività e propensione alla violenza, che purtroppo si sente quotidianamente da entrambi i fronti.

Paragono il nostro tempo con l’epoca di Hitler. All’inizio Hitler fece cose buone, creò posti di lavoro, mise in moto l’economia, ecc. Così ebbe il popolo tedesco dietro di sé; una mossa intelligente! Fu eletto e allora potè abusare del suo potere. La maggior parte della gente lo seguiva ciecamente. Chi criticava o addirittura disprezzava le sue idee viveva in un pericolo mortale.

Si pensa che una cosa del genere non sarebbe più possibile oggi! Pensiero errato, perché ci siamo proprio in mezzo. Tutti coloro che dubitano delle affermazioni del governo, si mettono in discussione o si permettono anche solo di avere un’opinione diversa sono insultati e discriminati da buona parte della popolazione.

Nella nostra perfetta Svizzera, si è «volontariamente» costretti a farsi vaccinare, altrimenti si devono fare i conti con enormi perdite di libertà. Noi chiamiamo il nostro paese DEMOCRAZIA! Dov’è finita? E ancora una volta, la maggioranza della popolazione segue ciecamente il governo! Ancora e ancora ci sono contraddizioni nelle dichiarazioni del nostro governo, ma questo viene poi sempre liquidato con una scusa inconsistente.

Da parte del governo si mente, si insabbia, si forniscono cifre false o si nascondono deliberatamente le informazioni. Ognuno di noi potrebbe raccontare un esempio simile. Io stessa conosco decine di esempi del genere, come quando una persona morta è stata elencata come vittima del covid, anche se non era assolutamente stato il covid a causarne la morte.

OK, in alcuni di questi casi l’affermazione «morto di covid» non è così sbagliata. Alcuni miei conoscenti sono morti di solitudine perché erano rimasti completamente isolati. Sì, ci sono stati molti morti di covid, ma non a causa della malattia di per sè stessa, ma a causa delle misure assurde prese dalle autorità!

Purtroppo, non ci sono statistiche di queste morti, anche se il nostro governo non fa altro sfornare statistiche.

Così, le cifre del covid continuano a essere manipolate e deliberatamente falsificate. Il governo deve pur giustificare le sue misure, cosa che può fare solo con cifre elevate!

Gente, aprite gli occhi! Lottate per la nostra libertà e democrazia e affinché possiamo tornare alla normalità. Lasciate che la gente decida liberamente come eravamo abituati a fare un tempo in Svizzera e lasciate a casa l’aggressività.

Comments are closed.

« »