Cara „Exit“, che cosa aspetti ancora?

Apr 20 • L'opinione, Prima Pagina • 738 Views • Commenti disabilitati su Cara „Exit“, che cosa aspetti ancora?

Satirissima

Per l’organizzazione di aiuto al suicidio Exit, si potrebbe aprire un nuovo mercato estremamente lucrativo. Clientela: i terroristi dell’ISIS.

Per questo, il mio consiglio a Exit: offri i tuoi servizi ai terroristi dello “Stato islamico”, che in tutto il mondo effettuano attentati suicidi per poi, quali martiri, andare immediatamente in paradiso dalle vergini (99, no?) che li attendono. Come Exit potresti così esaudire il loro più ardente desiderio.

Perché non tutti questi attentatori suicidi muoiono in azione come vorrebbero. Troppi di loro sopravvivono al loro delitto per poi approdare – sempre che siano presi – volenti o nolenti nelle nostre carceri ed essere condannati (ma non sempre) anni dopo. Poiché alle nostre latitudini non applichiamo più la pena di morte anche per delitti di tale entità, per loro significa al massimo rimanere un po’ più a lungo nei nostri istituti di detenzione; e anche se quest’ultimi sono lussuosi, questi martiri non apprezzano assolutamente il rinvio del loro volo verso il paradiso.

Oltre a ciò, è sempre incombente su di loro la minaccia di essere rilasciati per buona condotta. Che frustrazione deve essere per questa gente dell’ISIS, dopo aver fallito il loro primo tentativo di volare direttamente in paradiso, dopo il rilascio dover ricominciare tutto daccapo.

Cara Exit, i terroristi dell’ISIS ti sarebbero estremamente grati del tuo aiuto a prendere il primo volo diretto verso l’agognato aldilà. Approfittane, acchiappa al volo questa ghiotta occasione commerciale.

Ah già, i costi, obietterai. Chi ti pagherà per i tuoi servizi? I terroristi dell’ISIS sicuramente no. Ma non ti devi preoccupare per questo, cara Exit. Il volo diretto verso il paradiso è a spese dello Stato. Quantomeno, quasi tutti gli Stati occidentali che non applicano più la pena di morte, sarebbero solo felici di assumersene le spese. Perché anche alla tua tariffa più cara, il volo diretto dei criminali verrebbe a costare molto meno della pluriennale detenzione con super-costosi programmi di risocializzazione (Kick boxing inclusa). E perfino i cittadini contrari alla pena di morte, quali contribuenti e potenziali vittime della prossima azione suicida, approverebbero senza problemi questo contributo finanziario statale alla partenza dei terroristi detenuti verso il Paradiso.

L’ideale sarebbe naturalmente che gli aspiranti martiri del fronte islamico si annunciassero da te ancora prima dell’esecuzione dei loro attentati. Ma sarebbe pretendere troppo. Ma che cosa aspetti ancora, cara Exit? Agisci subito, altrimenti lo fa “Dignitas”.

 

Ronco

Comments are closed.

« »