Banderöla

Mar 9 • L'opinione, Prima Pagina, Sport e Cultura • 1017 Views • Commenti disabilitati su Banderöla

Le poesie dialettali di Edo Figini

Sül punto püssee alt dal campanin

triangulara cumè ‘na cazzöla

gh’è sü a girà ‘na bela banderöla.

che gira tütt ul di, sira e matin.

 

La gira dala part che tira ul vent.

E ai tempi, la savevan tütt i gent:

Segund la direziun, cunt’un’ugiada

la previsiun dal temp l’eva bel-e-fada.

 

Cunt un’ugiada, luur evan sicür

da ‘vé ciapaa la giüsta decisiun.

Se nà ‘n dal camp a fa “lavuurà” dür

opür in cà a fa  “manütenziun.”

 

Mò, la bandera ‘n scima al campanin

la scorla ul cò e la fa ‘n surisin.

La veed che mo in pulitica  inn  tanti

che fann trii passs in dré e düü in avanti.

 

Discurz pienn d’ideai e da lealtà

e’j miran ai cadreegh d’autorità.

Prumettan “mari e monti” par tré lira

E pö Un bott vutaa ….

Ai  giran dala part che ‘l vent al tira!

 

©Edo Figini 13 12 2014

 

Traduzione

 

Banderuola

 

Sul punto più alto del campanile,

triangolare come una cazzuola,

c’è su a girare una bella banderuola,

che gira tutto il dì, sera e mattina.

 

Gira dalla parte che tira il vento,

e nei tempi passati lo sapeva bene la gente:

secondo la direzione, con un’occhiata,

la previsione del tempo era bell’e fatta.

 

Con un’occhiata loro erano sicuri

di aver preso la giusta decisione.

Se andare nei campi a fare un lavoro duro

o stare in casa a fare manutenzione.

 

Adesso, la banderuola del campanile,

scuote la testa e fa un sorrisetto.

E vede che al  giorno d’oggi in politica sono in tanti

che fanno tre passi indietro e due in avanti (cioè tentennano).

 

Discorsi pieni di ideali e di lealtà

loro mirano alle cadreghe d’autorità.

Promettono mari e monti (cioè tutto e il contrario di tutto) con grande facilità,

(e poi da eletti…)   

girano dalla parte che tira il vento.

Comments are closed.

« »