Politica e logica

Giu 3 • Lettori, Prima Pagina • 166 Views • Commenti disabilitati su Politica e logica

La politica non è una scienza esatta, ma forse dovrebbe darsi un limite nella sfida alla logica. Il panorama politico è stato investito da frenetici cambiamenti e dunque chiede di adottare nuovi modelli interpretativi. Ma il più delle volte si ha l’impressione di una sorta di confuso, quasi caotico, asservimento e sottomissione a forze di potere economico interne e politico esterne, “vedi UE”, che tutto puntano sulla paura. L’ansia sta diventando un problema e grave fonte di tensione fino a far temere l’esclusione e l’emarginazione dall’Europa. Mai una affermazione è stata così falsa, inverosimile. E la colpa ricade sull’ indifeso cittadino ritenuto un incompetente. Mentre la politica di casa nostra e i Signori di Bruxelles sanno esattamente che lo strumento di maggior controllo di un popolo è la paura. La quale induce all’accettazione di variazioni contrattuali, senza che spesso vi sia nesso diretto tra causa ed effetto. È ciò che avviene sempre con più frequenza in occasione di importanti votazioni. La preoccupazione e lo scrupolo di sbagliare allontana troppi cittadini dall’esprimere il proprio voto. Alla politica si richiede quindi logica, intesa come una disciplina di carattere, dove la verità vinca sull’inganno e il voto considerato e valutato nel suo fondamento e contenuto.

Raoul Bettosini, Lugano

Comments are closed.

« »