La Lega continua a vincere

Lug 13 • L'opinione, Prima Pagina • 1003 Views • Commenti disabilitati su La Lega continua a vincere

Dr. Francesco Mendolia

Ho terminato di raccogliere queste notizie il giorno 4 luglio alle ore 09:00. Il 4 luglio 1776 tredici colonie nordamericane dichiarano la propria indipendenza dalla Gran Bretagna formando il nucleo attorno a cui vengono fondati gli Stati uniti di America.

 

Alle elezioni amministrative di domenica la Lega ha ottenuto ottimi risultati e si è confermata la forza politica più importante e vitale di tutto il centrodestra. (omissis)

(Il Post)

Vertice UE, accordo sui migranti. Meloni: “Conte raggirato da Macron e Merkel, meglio se andava Salvini”

“Mi pare che Conte si sia fatto un po’ raggirare, infatti Salvini che è competente sulla materia ha dovuto un po’ smorzare i toni trionfalistici di Conte che invece, un po’ per inesperienza, è tornato convinto di aver ottenuto una grande vittoria”. Lo ha detto Giorgia Meloni intervenuta a margine del Festival del lavoro presso il MiCo a Milano, commentando l’esito del vertice UE e l’accordo sui migranti. “A me pare non sia cambiato nulla e sono preoccupata, se l’Italia vuole cambiare qualcosa deve alzare la voce e chiedere una missione europea. Conte incapace? Non so, probabilmente l’inesperienza di Conte non ha aiutato, forse sarebbe stato meglio ci fosse andato Salvini. Macron? Deve smetterla di darci lezioni e spiegarci perché noi dobbiamo accogliere i profughi causati dai bombardamenti francesi sulla Libia nel 2011″.

(Il fatto quotidiano 30 giugno 2018)

Il re è nudo!

(N.d.r. L’articolo che giudico molto interessante ha subito, per motivo di spazio, alcuni omissis, ma si sono mantenute le parti più importanti)

Da anni sull’immigrazione manipoli di impostori politici, intellettuali e mediatici ci raccontano menzogne cui noi facciamo finta di credere per non essere tacciati di razzismo, xenofobia, intolleranza, disumanità; per non essere cacciati dal consesso civile del politically correct, per non sembrare inadeguati al nuovo tempo della globalizzazione.

  1. La prima bugia (omissis) è che l’immigrazione sia un destino storico, un processo irreversibile. Non lo è. Forse può essere un’opportunità per l’Europa e per l’Africa se controllata e limitata; di sicuro è una minaccia se lasciata fuori controllo e gestita da bande di schiavisti planetari come sta avvenendo in questi anni. Può essere foriera di arricchimento culturale se resa capace di integrarsi nella nostra civiltà; di sicuro è devastante per la nostra società se, in nome di un astratto e stupido multiculturalismo, si consente a culture incompatibili con l’Occidente di crescere e prosperare in casa nostra.
  2. La seconda bugia è che gli immigrati sarebbero profughi che fuggono da guerre ed è quindi nostro dovere accoglierli; la stragrande maggioranza non fuggono né da guerre né da persecuzioni e molti quelli che approdano sulle nostre coste vengono da paesi il cui tenore di vita sta migliorando con tassi di crescita superiori ai nostri.
  3. La terza bugia è che gli immigrati salveranno le nostre economie pagandoci le pensioni in futuro mentre in realtà vanno a riempire la sacca di una forza lavoro a basso costo, aumentando spazi di sfruttamento e riduzione di diritti; esattamente quello che vuole l’élite mondiale per attuare il progetto di questa globalizzazione anche in Occidente.

Gli impostori

In questa storia, gli impostori sono molti più di due. E chi sono?

  1. I politici come Macron; leader bugiardi che guidano le loro nazioni non per gli interessi del popolo che rappresentano ma per quelli dell’élite che li ha messi a governare. È stato un governo francese (con quello USA di Obama) a scatenare la guerra criminale in Libia distruggendo uno stato sovrano e aprendo il vaso di Pandora dell’esodo biblico nel Mediterraneo. Sono stati i governi francesi a chiudere i loro porti e ad attuare una politica di respingimento dei migranti che non ha avuto pietà neppure delle donne incinte e malate di tumore.
  2. Gli impostori sono anche quelli come Saviano, gli imbonitori delle masse ad uso del mainstream; i malavitosi dello spirito, i corruttori della verità che manipolano dati e scenari per mascherare il vero volto di questa immigrazione; insomma la Canaglia schiavista
  3. Gli impostori sono quelli delle ONG (almeno buona parte di loro) perché oggi è chiaro che esse non salvano migranti dispersi in mezzo al mare, ma li vanno a prendere a largo delle coste libiche e tunisine accordandosi con scafisti e mercanti di schiavi (come documenta questo clamoroso servizio di Report di un anno fa relativo proprio alla nave Aquarius). ONG che sono organizzazioni super-finanziate con miliardi di dollari dalle fondazioni dell’élite globalista, che si muovono con navi super-moderne e costosissime, con a bordo personale super-pagato (altro che volontari) e che fanno il lavoro sporco di reclutamento di manodopera a basso costo da iniettare nel mercato europeo per ingigantire negli anni una massa lavoro da utilizzare nei nuovi processi produttivi.
  4. Gli impostori sono quelli come George Soros, i manovratori della globalizzazione, quelli che scatenano rivoluzioni colorate, guerre civili e alimentano l’immigrazione in nome di una Società Aperta (Open Society) che di Karl Popper non ha nulla ma è solo il rivestimento retorico di una élite famelica che punta a distruggere gli Stati nazionali e le sovranità.
  1. L’Italia ha chiuso i suoi porti non per odio nei confronti degli immigrati, ma per odio nei confronti dei mercanti di schiavi che di quegli immigrati si cibano per i loro disegni di dominio e di potere. Ha chiuso i suoi porti non per disumanità propria ma per rendere visibile la disumanità degli altri.
  2. Così facendo ha fatto esplodere le contraddizioni dell’Europa solidale e umanitarista a parole, ma che in questi anni ha girato la testa mentre quella bambina da sola si faceva carico dell’esodo migratorio e dell’accoglienza; oltre 4 miliardi di euro spesi solo lo scorso anno contro 80 milioni di contributi UE; un’elemosina umiliante che solo i governi di sinistra genuflessi ai potentati stranieri e incapaci di difendere gli interessi nazionali hanno supinamente accettato; e che il nuovo governo italiano di Conte e Salvini ha deciso di smascherare difendendo la nostra dignità ed il nostro ruolo in Europa.(Omissis)

Ora spetta a noi decidere se continuare il Gran Gala della menzogna (Omissis) oppure interrompere questa finzione cambiando le regole e cacciando a calci dalla nostra Europa gli impostori smascherati.

(da L’anarca il blog di Giancarlo Rossi Il re Nudo, 25/06/2018)

WiFi gratis, il bando da 120 milioni dell’UE per migliaia di comuni è un flop: sistema in crash e gara annullata

È bastato un guasto tecnico per far fare all’Europa un clamoroso flop e far infuriare migliaia di Comuni italiani che erano pronti a partecipare a un bando della Commissione UE per realizzare reti WiFi gratuite, liberamente accessibili ai cittadini. A restare a bocca asciutta è un esercito di amministrazioni che il 15 maggio scorso si erano messe davanti al personal computer per aderire al click day. L’unico criterio, infatti, era quello di inserire i propri dati il prima possibile sul sito ufficiale www.wifi4eu.eu: i vincitori sarebbero stati selezionati in base all’ordine di arrivo, alla data e all’ora di presentazione della domanda. Peccato che, dopo neppure un minuto, il portale è andato in crash e il sogno di migliaia di sindaci italiani è sfumato.(Omissis)

(Di Alex Corlazzoli 30/06/2018)

Comments are closed.

« »