L’UDC chiede le stesse deduzioni per la cura familiare o extra-familiare dei figli

Nov 14 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 940 Views • Commenti disabilitati su L’UDC chiede le stesse deduzioni per la cura familiare o extra-familiare dei figli

La Commissione dell’economia e dei tributi (CET) del Consiglio nazionale esamina oggi una revisione della legge sull’imposta federale diretta. Si tratta concretamente della deducibilità fiscale delle spese per la cura dei figli. Il progetto di legge prevede una deduzione di 25’000 franchi al massimo per figlio e per anno nell’imposta federale diretta, ma unicamente a favore dei genitori che danno i figli in custodia al di fuori della famiglia. L’UDC ha proposto alla CET di accordare le stesse deduzioni fiscali ai genitori che si occupano loro stessi della cura dei propri figli. 

L’obiettivo addotto dal Consiglio federale per giustificare questa riforma è di combattere la penuria di manodopera qualificata indigena e di migliorare la compatibilità dell’attività professionale con la vita familiare. Una maggiore considerazione delle spese per la custodia extra-familiare dei figli sarebbe, secondo il governo, una misura efficace in questo senso.

L’UDC accoglie di principio con favore qualsiasi riduzione del carico fiscale gravante sulle famiglie. Essa ritiene tuttavia che tutte le famiglie debbano beneficiarne, e non solo quelle che fanno custodire i figli da istituti esterni. L’UDC chiede quindi che anche le famiglie che si occupano loro stesse dei propri figli possano dedurre fino a 25’000 franchi al massimo per anno e per figlio dal loro reddito imponibile. Queste famiglie sono infatti considerevolmente sfavorite nel regime attuale. Un aumento della deducibilità unicamente per la cura dei figli extra-familiare aggraverebbe questa ingiustizia e ridurrebbe la libertà di scelta del modello familiare.

Comments are closed.

« »