Zibaldone (di tutto un po’)

Feb 19 • L'opinione, Prima Pagina • 1297 Views • Commenti disabilitati su Zibaldone (di tutto un po’)

Dr. Gianfranco Soldati Presidente onorario UDC Ticino

Dr. Gianfranco Soldati
Presidente onorario UDC Ticino

Una curiosità: nel Diritto dei Popoli sta un concetto di “odius debt”, debito odioso o anche illegittimo, che sarebbe quello accumulato da governi con scopi che nulla hanno a che fare con il benessere dei loro popoli. Si tratta di un concetto elaborato negli anni ’20 del secolo scorso da un ministro russo, Alexander Nahum Sack, rifugiato a Parigi dopo la rivoluzione dell’ottobre 1917 e divenuto poi professore di diritto alla Sorbona, nell’intento evidente di giustificare il rifiuto  del nuovo governo russo di riconoscere i debiti accumulati dagli zar. Vittime dimenticate di quel rifiuto, sia detto tra parentesi, furono anche molti risparmiatori ticinesi, e tra di loro anche un mio nonno paterno.

È un concetto riesumato da una commissione del Parlamento  greco dopo l’intervento della “Troika” (FMI, BCE e Commissione UE) e reso pubblico il 17 giugno scorso. Il forte aumento del debito sovrano greco, a partire dagli anni ’80, sarebbe dovuto a spese militari non giustificate dalle necessità del paese, a tassi di interesse da usurai pretesi dai creditori (banche tedesche e francesi, mi par di sapere), a calo delle entrate fiscali causato da fughe illegali di capitali, a ricapitalizzazioni di banche private da parte dello Stato e a squilibri internazionali dovuti a quella costruzione maldestra e insostenibile che è l’euro.

Una conclusione commentata e condivisa de facto da Joseph Stiglitz, economista e saggista statunitense, premio Nobel 2001 per l’economia, in un soppesato e notevole articolo su “Zeit-Fragen” dello scorso mese di luglio, in cui l’autore arriva addirittura a parlare di “skrupellose Tortur” del popolo greco da parte della Troika. Se lo dice un americano, posso ben pensarlo anche io.

Aggiungo, per la precisione, che il solo errore la cui responsabilità si possa unicamente addossare al  governo greco è stata quella di rivolgersi per consulenza alla Goldmann Sachs (grande banca americana) quando si trattò di ottenere l’ammissione all’euro.

*

I dirigenti di “Economiesuisse” negli ultimi anni si sono distinti per una difesa così esacerbata degli interessi delle cerchie da loro rappresentate da esporsi al rischio e anche alla realtà della “controproducenza”. Con la nomina dell’ultimo presidente Heinz Karrer e della direttrice Monika Rühl  non si può certo dire che la situazione sia migliorata.

A distinguersi in questo campo stanno adesso anche Hans Hess, fegatoso direttore di Swissmem, associazione degli industriali della Meccanica, Electrotecnica e Metallurgia  (da cui il MEM della sigla)  e Dirk Niepelt, direttore delle “Studiumzentrum Gerzensee” (idillico villaggio a metà strada tra Berna e Thun che evoca per me gioiosi ricordi di gioventù)  e professore ordinario di economia a Berna. Gli interessi sono tutti legittimi, ma quando si difendono i propri senza riguardo alcuno per quelli degli altri non ci si deve meravigliare se possano formarsi resistenze.

*

Considero lo “Swiss award”, nella misura in cui esalta politici o giornalisti, la manifestazione più stupida del paese. Una cerimonia esclusiva e riservata di reciproco incensamento del fior fiore della sciccherìa radico-socialista, che per aumentare il proprio grado di popolarità premia anche campioni come Federer o Wawrinka e “misses e misters” di svariato colore e comprovata avvenenza. A giustificare il mio giudizio basterebbe la nomina di Didier Burkhalter di due anni fa. Adesso è arrivata quella di Bruno Giussani, un “politicamente ipercorretto” nuotatore verso valle nel mainstream ufficiale (i pesci vivi la corrente tendono a rimontarla, a discenderla sono solo le anguille, per andare a riprodursi nei Caraibi) con tendenza a scorribande negli affluenti di sinistra. Bisogna però dargli atto di una carriera che lo ha portato molto lontano se non in alto. Più esattamente al posto, rimunerato in dollari, di direttore di un “serbatoio di pensiero” che sarebbe il più influente del mondo e che si propone di dare concretezza alle più grandi pensate che zampillano nel mondo intero. Eruzioni di umana intelligenza che grazie alla sagacia di Giussani e dei suoi datori di lavoro hanno cambiato in meglio il mondo, come possiamo praticamente verificare ogni giorno ascoltando le notizie. Io Giussani lo ricordo come modesto cronista dell’Eco di Locarno negli anni ’80. Mi definì “verme nel formaggio” della politica ticinese, villanìa che gli ho perdonato da lungo tempo considerandola suo peccato di gioventù.

*

Fabio Pontiggia (al quale mi lega un rapporto di sincera amicizia fin dai tempi, per me gloriosi, della vecchia “Gazzetta Ticinese” di Franco Masoni, Gavroche alias Lallo Vicredi, al secolo Aldo Crivelli, Gianfranco Montù e Elio Bernasconi), a mio modesto avviso è il primo giornalista ticinese in fatto di razionalità di giudizio e stringatezza logica nello svolgimento del ragionamento. Lo scorso 6 febbraio ha ricordato, in un suo editoriale sul quotidiano che dirige, che il popolo svizzero,  che due anni fa (9 febbraio 2014) ha votato la limitazione della libera circolazione, ha anche approvato a 5 riprese i trattati bilaterali, quindi anche quello che prevede la libera circolazione. Gli ho fatto notare che il CF ha in un certo senso estorto al popolo l’approvazione della libera circolazione  delle persone prospettando che il nuovo accordo avrebbe causato un aumento massimo di 8-10’000  entrate di lavoratori europei. Noi si temeva allora un’invasione di “idraulici polacchi”, che effettivamente non c’è stata, ma l’aumento reale è stato di oltre 70’000 entrate, anno per anno, in più delle circa 10’000 verificatesi già al tempo dei contingentamenti. “Circolanti” che diventano poi quasi tutti residenti per l’eternità.

È questa la realtà che ha determinato il voto del 9 febbraio 2014, contro venti e maree della propaganda politicamente corretta di governo, politici, partiti (salvo UDC in Svizzera, Lega e qualche verde di Savoia in Ticino e MCG a Ginevra), media stampati e elettronici, giudici e professoroni unanimi. Una sottospecie di tregenda che si ripete adesso per la votazione sull’espulsione automatica di criminali coi fiocchi, se così posso dire, non di ladri di polli.

 

Comments are closed.

« »