Un po’ di umorismo satirico: intervista con il presidente ucraino Zelensky

Nov 4 • L'opinione, Prima Pagina • 219 Views • Commenti disabilitati su Un po’ di umorismo satirico: intervista con il presidente ucraino Zelensky

Ronco (R): «Grazie di aver concesso a “Il Paese” questa breve intervista.»

Zelenski (Z): «Non c’è di che, concedo interviste quotidianamente dalla mattina alla sera, praticamente faccio solo quello.»

R: «Signor Presidente, lei ha recentemente ricevuto il nostro presidente della Confederazione Cassis in occasione della sua escursione politica populista a Kiev. In seguito, lui ha detto qui che lei è cambiata dal vostro precedente incontro, che è molto più statista.»

Z: «Lo ringrazio per questo complimento, che ricambio volentieri. Tuttavia, lui – come me – probabilmente non è diventato più statista, ma piuttosto più populista. Io ho dovuto diventare più populista nei miei contatti con la comunità del mondo occidentale perché ho urgente bisogno di tutto l’aiuto possibile per il mio paese, mentre lui è diventato più populista per ragioni di politica interna: vuole essere rieletto consigliere federale l’anno prossimo. E così ci siamo stretti la mano per il bene di entrambe le parti.».

R: « Sì, questo è stato in parte percepito così anche da noi. Ma molti di noi avrebbero preferito che Cassis non solo le avesse stretto la mano a Kiev, ma che avesse proseguito il suo viaggio politico a Mosca per combattervi un incontro di judo politico con Putin.»

Z: « Non glielo avrei consigliato. Putin è cintura nera di judo, il grado più alto. Cassis sarebbe stato surclassato. Anche se si fosse trattato di un incontro di lotta svizzera invece che di judo. Putin, in quanto vincitore, dopo l’incontro, avrebbe tolto la segatura dalle spalle dello sconfitto Cassis, come è consuetudine da voi. Tuttavia…»

R: «Tuttavia…?»

Z: «Anch’io non affronto Putin, perché non voglio finire sul tappeto o nella segatura. Ma sono in guerra con lui, quindi non posso farlo in ogni caso senza una grave perdita di prestigio. In quanto Stato neutrale, la Svizzera si trova in una posizione completamente diversa. A parte la sua credibilità come Stato neutrale, non ha nulla da perdere, anche se si toglie un po’ di segatura dalla spalla del suo presidente. Al contrario, Putin l’apprezzerebbe come un degno perdente.».

R: «Cioè…?».

Z: «Vede, a un certo punto questa guerra dovrà finire, perché le vittime e i danni da entrambe le parti sono enormi ogni giorno. Ma chi lo farà? Io non posso, e nemmeno Putin per motivi populistici. Sarebbe necessario un mediatore neutrale credibile per negoziare una soluzione al conflitto. I Paesi della NATO sono certamente fuori questione, così come Erdogan, il rinnegato della NATO in Turchia. Ma la Svizzera? La Svizzera potrebbe essere presa in considerazione, ma solo se…».

R: «Se…?»

Z: «Solo se la Svizzera, oltre al suo apprezzatissimo sostegno a noi Ucraini, come Stato neutrale di tutto rispetto, parlasse coraggiosamente e apertamente con Putin, invece di limitarsi a sostenere le inefficaci sanzioni dell’UE contro la Russia dalla sua torre d’avorio. Al momento, questo ci aiuta un po’ dal punto di vista morale, ma non risolve minimamente il conflitto.»

R: « Cosa dovrebbe fare la Svizzera in concreto?»

Z: «La cosa migliore sarebbe che rimanesse completamente neutrale, o tornasse ad esserlo come è sempre stato in passato, e cercasse di far dialogare entrambe le parti in conflitto per far ripartire il dialogo che si è arenato. Altrimenti la miseria qui non avrà mai fine. Non ci resta che parlare con Putin. Fatelo voi, a me non è permesso.»

R: «Dovrebbe farlo il nostro presidente Cassis?»

Z: «Questo lo devo lasciare alla Svizzera. Cassis mi sembra un po’ “bruciato”. Ma l’anno prossimo avrete un nuovo presidente, non è vero? Non sarà un certo Berset? Voi avete poi un sacco di eccellenti diplomatici per i necessari contatti preliminari. Perché non incaricare, ad esempio, l’ex Segretario di Stato Michael Ambühl, vostro ex capo negoziatore con l’UE, di condurre colloqui esplorativi con la stretta cerchia del Ministro degli Esteri russo Lavrov?  Per voi Svizzeri ci sarebbe poco da perdere, ma molto da guadagnare.»

R: «Sarebbe certamente saggio, ma potrebbe essere piuttosto difficile per noi. Vale sicuramente la pena di provare. Caro Presidente Zelenski, grazie mille per questa intervista.»

 

Ronco

P.S. Va da sé che questa intervista non ha mai avuto luogo.

Comments are closed.

« »