Ul primm cumizi

Mag 29 • L'opinione, Prima Pagina, Sport e Cultura • 1467 Views • Commenti disabilitati su Ul primm cumizi

Le poesie dialettali di Edo Figini

A l’eva pena faj i desdott ann

e primm di vutaziun l’ha decidüü

da fa ‘nca lüü cumè che tanti aj fann.

Da nà sentì un cumizi. Ul primm, par lüü.

 

Ul pa, vist ula scelta che l’ha faa,

l’è staj li, a specià che ‘l riturnass,

par savé, par sentì’m puu ‘l risültaa

da una “fede pulitica”… che nass.

 

“E alura? Al ga fa: Cumè l’è nada?

T’è piasüü? T’hann nujaa? Sett divertii?

L’han pö fada ala fin ula cantada?”

 

“Oh pa, ‘mè l’è staj bell, hann parlaa in trii…”

“”E da cusè hann parlaaa, tütt la sirada?”

“Verament al su nanca… L’hann mia diii…”

 

© Edo Figini

 

Traduzione

Il primo comizio

 Aveva appena compiuto i diciotto anni

e prima delle votazioni ha deciso

di fare anche lui ciò che fanno tanti.

Di andare a sentire un comizio. Il primo, per lui.

 

Il padre, vista la scelta fatta,

è stato lì ad aspettare che tornasse,

per sapere, per sentire un po’ il risultato

di una “fede politica” … che nasceva.

 

“E allora? Gli fa: come è andata?

T’è piaciuto? Ti sei annoiato? Ti sei divertito?

L’hanno poi fatta alla fine la cantata?”

 

Oh papà, com’è stato bello, hanno parlato in tre…”

“E di cosa hanno parlato, per tutta la serata?”

“Veramente non lo so… Non l’hanno detto…”

Comments are closed.

« »