UDC Ticino: SÌ alla riforma della legge tributaria, uno No alla sinistra voltamarsina

Mag 6 • Dal Cantone, Dall'UDC, Prima Pagina • 753 Views • Commenti disabilitati su UDC Ticino: SÌ alla riforma della legge tributaria, uno No alla sinistra voltamarsina

L’UDC Ticino prende atto con soddisfazione dell’esito, seppure risicato, uscito dalle urne a favore della riforma della legge tributaria. Permangono, naturalmente, le riserve già espresse prima del voto, su una riforma che non ha tenuto assolutamente in conto il ceto medio, ma è stato fatto un seppur timido passo nella giusta direzione. Secondo UDC Ticino, il risultato è stato così risicato proprio per lo stesso motivo. Con un maggiore riguardo al ceto medio sarebbe potuto essere ben più netto, il che dovrebbe mettere sul chi vive Consiglio di Stato e Parlamento sulla necessità di procedere a ulteriori sgravi proprio per questa fascia più tartassata dei contribuenti. Tutto sommato, con il successo per soli 193 voti si è raggiunto l’obiettivo sì, ma non è un risultato brillantissimo per il governo. UDC Ticino era e rimane piuttosto tiepida di fronte a questa riforma, soprattutto perché – oltre alla citata insufficiente incisività – ritiene sbagliato averla legata a un incomprensibile e inefficace contropartita sociale che ne neutralizzerà parte dei vantaggi. Prende atto però con soddisfazione che il popolo non si è lasciato abbindolare dalle roboanti affermazioni della sinistra – vedi “Basta regali ai ricchi!” – punendone di fatto l’atteggiamento ambiguo e voltamarsina che l’ha vista dapprima accettare in Gran Consiglio il pacchetto “sociale/fiscale”, per poi lanciare il referendum contro la sola parte tributaria. Lo ha fatto anche nella quasi totale assenza dal dibattito del direttore del DFE, Christian Vitta, che si è purtroppo limitato al solito compitino, quasi credesse poco nel progetto. 

Quello fiscale è un tema importante per l’UDC che, tramite il suo gruppo in Gran Consiglio non mancherà di sollecitare proposte e provvedimenti puntuali.

 UDC Ticino

 

Comments are closed.

« »