Ticino: Censimento degli olivi

Giu 26 • Dal Cantone, L'opinione, Prima Pagina • 8 Views • Commenti disabilitati su Ticino: Censimento degli olivi

Nell’aprile del  2001 si costituiva, nel nostro cantone, l’Associazione Amici dell’olivo che attualmente conta oltre duecento soci. Associazione senza scopo di lucro e di pubblica utilità, con la duplice finalità di reintrodurre l’olivo nella zona prealpina dei laghi nella Svizzera del sud, nella quale esisteva anticamente e dove le condizioni climatiche ne permettono la sopravvivenza, come pure di promuovere la conoscenza della pianta e dei suoi prodotti.

L’AAO si propone anche di diffondere la conoscenza della pianta dell’olivo attraverso corsi di formazione mirati, rivolti non solo a giardinieri, viticoltori e operatori dell’agricoltura, ma a tutti coloro che sono interessati e amanti dell’oro verde.

L’associazione intende realizzare un censimento a livello cantonale di questa pianta.

L’iniziativa gode pure l’appoggio del Servizio fitosanitario cantonale.

La coltivazione estesa dell’olivo in Ticino, con una produzione di olio ragguardevole sulle rive del Lago di Lugano e Locarno, risale a parecchi secoli fa. Tuttavia, i rigidissimi inverni del 1494, del 1600 e del 1709 distrussero quasi interamente gli oliveti ticinesi. Si ricominciò e agli inizi del 1900 c’erano molti olivi nei vigneti, ma sembra che solo a Gandria si producesse ancora olio.

Consapevoli del patrimonio olivicolo che c’è in Ticino, l’Associazione Amici dell’Olivo, con oltre 200 soci, interviene puntualmente o su richiesta presso gli interessati con consulenze sulla gestione delle piante: piantumazione, concimazione, lotta fitosanitaria, potatura e raccolta di olive, senza dimenticare il prodotto olio.

Scopo della mappatura è capire cosa potrebbe succedere in Ticino se si dovesse propagare un giorno il batterio della Xylella Fastidiosa, che rappresenta un vero e proprio dramma per i proprietari di olivi. Tutti gli agricoltori sarebbero comunque toccati dal problema, in quanto questo batterio colpisce non solo gli olivi ma anche piante da frutta e piante ornamentali.

Quindi ogni privato che possiede un olivo nel proprio giardino, chi ha un piccolo oliveto, patriziati, parrocchie e comuni che hanno sul loro suolo degli olivi, aziende che ornano le loro proprietà con degli olivi, sono invitati a partecipare a questa mappatura.

I relativi moduli si possono ottenere all’indirizzo: premoli.claudio@gmail.com.

Questo inventario avrà la funzione di gestire meglio il patrimonio dell’oro verde in Ticino, soprattutto in ambito di lotta fitosanitaria, ma anche in ambito di valorizzazione dei frutti grazie ai due piccoli frantoi attivi in Ticino a Sonvico e a Losone.

FRG

Comments are closed.

« »