Süssli o Süsslivic?

Lug 24 • L'opinione, Prima Pagina • 21 Views • Commenti disabilitati su Süssli o Süsslivic?

Satira

Recentemente è stato reso noto che il capo del nostro esercito, generale a tre stelle Thomas Süssli, ipotizza l’accesso di stranieri al nostro esercito. Cosa pensare di questa idea? In una prospettiva puramente satirica, sarei d’accordo. Perché il buon uomo, tutto sommato, non fa che seguire l’attuale tendenza a mettere gli interessi nazionali in mani straniere.

Un esempio:  oltre all’esercito, non esiste niente di più «nazionale» della nostra squadra nazionale di calcio (la nostra Nati) – l’orgoglio della nostra nazione. Leggendo i quasi impronunciabili nomi dei giocatori della nostra Nati ( (Mvogo, Mbabu, Xhaka, Akanji, Xherdan Shaqiri, Djibril Sow , eccetera), gli altri nomi della squadra come Mehmedi o Ajeti suonano quasi familiari. Per non parlare poi dei tanti -ic: Drmic, Gavranovic, eccetera. E poi sì, il coach della nostra Nati si chiama Vladimir Petkovic.

Che questa falange straniera abbia segnato (ma molto spesso anche mancato) qua e là qualche goal per la Svizzera, è lodevole. Che alcuni di essa, in partite decisive, abbiano anteposto il loro paese d’origine alla nazionalità svizzera loro concessa (gesto dell’aquila bicipite del Kosovo albanese), lo è molto meno.

Come si comporterebbero gli stranieri (naturalizzati) nel nostro esercito in casi di crisi o di guerra, qualora si trattasse di agire contro il loro Stato d’origine, non si sa. L’esibizione di aquile bicipiti, falce e martello, stelle e strisce, mezzelune (le croci uncinate son attualmente meno di moda), invece della croce svizzera ci aiuterebbe sicuramente. Perché, apparentemente, qui in Svizzera oggi non si può più fare nulla senza stranieri. Non nel calcio. Non in politica. E, a quanto pare, nemmeno più nell’esercito. E allora buttiamoci. Evviva gli stranieri anche nell’esercito svizzero!

E va bene. Ma il generale Thomas Süssli dovrebbe, per coerenza, cambiare il proprio nome. La mia proposta: Thomasov Süsslivic.

 

Ronco

Comments are closed.

« »