Screditare la Svizzera

Feb 6 • Lettori, Prima Pagina • 705 Views • Commenti disabilitati su Screditare la Svizzera

È il piacere quasi infrenabile di troppi giornali e canali televisivi della vicina penisola e dell’Unione Europea. Sintomo di una varietà di disturbi del comportamento neurologico. È cercare in tutti i modi, con intenzione malevola, di offuscare la reputazione di un paese e sminuirne il valore con il parlarne male. È diffamazione, calunnia, offesa. Nessuno è perfetto, neppure la Svizzera. Guai mettere in luce, valorizzare i vantaggi, gli interessi di una moltitudine di frontalieri e i benefici di cui godono un gran numero di altre persone. Perché non si assumono l’incarico di esaminare cosa accade tra le pareti domestiche? Difficile e troppo impegnativo analizzare, osservare, verificare, più facile trascurare, tralasciare e sorvolare, attribuendo le colpe agli altri. Ingannare altre persone con affermazioni ipocrite, simulare falsità per nascondere le proprie debolezze, è la vergogna di un fallimento globale del rispetto delle regole di condotta condivise con gli altri. Di che vergognarsi.

Nasce il sospetto, che è quasi certezza, che questa UE e taluni paesi confrontati con difficoltà e  preoccupazioni enormi e un futuro sempre meno sereno, ingabbiati in un immobilismo profondo,  rassegnati, si sfoghino rovesciando sugli altri le loro insufficienze e deficienze.

Raoul Bettosini, Lugano

Comments are closed.

« »