Neutralità svizzera: quo vadis?

Set 9 • L'opinione, Prima Pagina • 98 Views • Commenti disabilitati su Neutralità svizzera: quo vadis?

Rolando Burkhard

La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi, scriveva il noto stratega militare prussiano Generale von Clausewitz (1780-1831) nella sua opera fondamentale «Della guerra» (Libro I, Capitolo 1, Paragrafo 24). E aveva ragione.

Ma con quali altri mezzi? Gli ultimi millenni di storia bellica dell’umanità hanno ampiamente dimostrato che questi non sono esclusivamente militari. Da sempre, le guerre non sono mai state vinte o perse esclusivamente sui campi di battaglia. Altri fattori hanno sempre giocato un ruolo molto più decisivo. Questi sono:

  1. Le alleanze politiche avviate diplomaticamente di volta in volta (secondo il principio: il nemico del tuo nemico è tuo amico).
  2. La guerra economica: l’indebolimento dell’avversario tramite sanzioni economiche, boicottaggi, ecc. (secondo il principio: affamare l’avversario).
  3. La guerra psicologica: screditare l’avversario con le cosiddette «misure attive» o, se necessario, con «fake news» unilaterali (condizionamento mirato dell’opinione pubblica).
  4. È chiaro che a fronte della crescente mobilità, tecnologizzazione e digitalizzazione a livello mondiale, si sono aggiunti anche altri fattori come la guerra informatica o la politica migratoria.

Che dire degli Stati neutrali?

Questi sono ben lungi dall’essere gli unici fattori decisivi per due Stati direttamente in guerra tra loro. Molto dipende da come gli altri Stati si comportano nei confronti dei belligeranti in una guerra o in un conflitto una volta che questo è scoppiato. Questo vale soprattutto per gli Stati che si considerano neutrali, nel nostro caso la Svizzera, con la sua neutralità storicamente tradizionale e riconosciuta a livello internazionale.

Dopo aver dapprima esitato, il nostro paese si è chiaramente schierato nell’attuale guerra in Ucraina a favore di una delle due parti in conflitto, stringendo un’alleanza con l’UE, riprendendo totalmente le sue sanzioni economiche e manifestando pubblicamente e ufficialmente ogni giorno le sue simpatie per una delle due parti. Ciò fa riflettere sullo stato attuale e a lungo termine della nostra finora tanto decantata «neutralità totale, permanente e armata», che – dal Congresso internazionale di Vienna del 1815 – ci ha protetto da gravi danni bellici in tempi pericolosi. Che tipo di neutralità ci dovrebbe essere oggi e in futuro? Una neutralità «attiva» secondo le idee di Calmy-Rey, o «cooperativa» o «solidale» secondo Cassis, qualunque cosa si intenda con questo termine? O ancora qualcosa di diverso?

Blocher ha ragione

L’ex consigliere federale Christoph Blocher sostiene il mantenimento della nostra tradizionale neutralità totale, permanente e armata, che vuole inserire nella Costituzione federale tramite un’iniziativa. Non sono sempre d’accordo con Blocher (ma spesso lo sono), ma questa volta ha semplicemente ragione nella sua argomentazione: la Svizzera è diventata chiaramente parte in causa nell’attuale guerra in Ucraina adottando pienamente le sanzioni economiche dell’UE contro una sola delle parti in conflitto. Questo comporta rischi inutili e opportunità politico-diplomatiche perse, perché ci rende del tutto impossibile agire con successo come mediatori o fornitori di «buoni uffici» nel nostro mondo carico di conflitti, in quanto non siamo più percepiti o accettati a livello internazionale come neutrali (non dalla Russia, in ogni caso, ma nemmeno dagli Stati Uniti). Quindi sosterrò pienamente l’iniziativa di Blocher.

In realtà, bisognerebbe andare ben oltre…

In realtà, si dovrebbe andare ben oltre l’iniziativa di Blocher. Quando si parla di neutralità, si distingue tra legge sulla neutralità e politica di neutralità. Il diritto internazionale sulla neutralità è scritto nella Convenzione dell’Aia del 1907, ma è completamente superato, perché si riferisce agli aspetti puramente militari di una guerra (partecipazione diretta alla guerra, consegna di armi, diritti di passaggio, ecc. ecc.) e non al concetto più ampio di guerra come «continuazione della politica con altri mezzi». Così, per esempio, la determinante guerra economica non viene menzionata in una sola riga. La politica di neutralità, invece, è semplicemente ciò che uno Stato neutrale fa concretamente sulla base della legge sulla neutralità in un determinato momento.

Tuttavia, è del tutto irrealistico voler modificare le Convenzioni dell’Aia del 1907 nel senso di un ampliamento del concetto di guerra, considerati gli equilibri di potere nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (membri permanenti con potere di veto). E la nostra partecipazione come membro temporaneo non permanente non cambierà minimamente la situazione. Solo gli Dei bernesi sanno cosa promette la partecipazione della Svizzera a questo organismo per i prossimi anni. L’unica cosa che può aiutare è pregare che, oltre i costi inutili, almeno non vengano fatti altri danni al nostro paese…

Comments are closed.

« »