Migrazione e aiuto sbagliato allo sviluppo?

Feb 24 • L'opinione, Prima Pagina • 839 Views • Commenti disabilitati su Migrazione e aiuto sbagliato allo sviluppo?

Sulla via dell’Europa nella terra promessa? (Immagine Focus online)

Urs von der Crone Presidente ds-SVP Tessin

Suscita interesse una notizia apparsa nella stampa: centinaia di migranti prendono d’assalto l’exclave Ceuta. È ben visibile il muro alto sei metri che separa un pezzo di territorio spagnolo dallo Stato marocchino. Il passaggio in questo punto sembra meno rischioso del viaggio attraverso il Mediterraneo. Ma questi tentativi di attraversare illegalmente una frontiera sono solo la punta dell’iceberg. In Africa, si presume che centinaia di migliaia di persone stiano aspettando di poter emigrare in Europa. Peraltro, il continente sarebbe una regione del tutto vivibile e con un grande potenziale. È necessario un lavoro di ricostruzione e questo può essere effettuato solo dagli indigeni. Ma dappertutto manca una struttura politica che permetta uno sviluppo economico e che dia anche delle prospettive alla gente, affinché rimanga nel paese prendendone direttamente in mano la ricostruzione.

E se l’Europa rivedesse completamente il suo aiuto allo sviluppo? La fortuna degli Africani non può situarsi in Europa – semmai in una più stretta collaborazione con l’Europa. Produrre nel proprio paese qualcosa che serva alla propria popolazione e che nel contempo possa essere esportato – questo ci vuole. L’aiuto allo sviluppo costerebbe meno e renderebbe di più. Il denaro dovrebbe affluire dove sorgano strutture che assicurino il lavoro indigeno e un minimo di benessere. In mancanza di queste condizioni, non si dovrebbe versare un soldo, perché spesso ciò risveglia false aspettative. L’aiuto allo sviluppo ha un senso solo in quei paesi in cui regna la democrazia. Gli altri dovrebbero essere esclusi dal nostro aiuto. Chi fa capo al sostegno degli Stati europei, dovrebbe innanzitutto produrre qualcosa anche da solo. L’aiuto ha un senso solo se dato a chi già s’aiuta. Tutto il resto è da evitare, è un puro spreco di denaro.

 

Comments are closed.

« »