L’UDC è sulla buona strada -la lotta continua

Apr 26 • Prima Pagina • 145 Views • Commenti disabilitati su L’UDC è sulla buona strada -la lotta continua

Marco Chiesa Consigliere agli Stati e presidente UDC Svizzera
Gli ultimi risultati nei Cantoni lo dimostrano: l’UDC è in grado di tastare il polso alla popolazione. I nostri temi sono recepiti favorevolmente. Ora dobbiamo fare tutto il possibile per evitare un ulteriore slittamento a sinistra alle elezioni federali di ottobre. Un tale slittamento sarebbe un disastro per il nostro Paese.     Negli ultimi scrutini cantonali prima delle elezioni federali del 22 ottobre, l’UDC è uscita vittoriosa. Abbiamo guadagnato a Lucerna (+ 5 seggi), Ginevra (+ 4) e Ticino (+ 2). Anche prima, la tendenza era a nostro favore, con un leggero aumento delle preferenze nei Cantoni di Basilea Campagna e Zurigo. In qualità di ticinese e di Consigliere agli Stati per il Cantone a sud delle Alpi, sono particolarmente soddisfatto che l’UDC sia «la vincitrice delle elezioni parlamentari in Ticino», come ha detto la Radiotelevisione svizzera (SRF). Tutti gli altri partiti tradizionali hanno perso quote di elettori. Questo significa che gli elettori stanno apprezzando le nostre politiche per il bene dei ticinesi – e per il bene della Svizzera. Combattere il caos nella politica d’asilo in modo efficace
Simili sviluppi nell’anno elettorale 2023 sono gratificanti. Dimostra che i temi dell’UDC trovano riscontro tra la gente. Non è una coincidenza, siamo il partito del Popolo – conosciamo i problemi della gente, li prendiamo sul serio e offriamo soluzioni realistiche. Soluzioni che sono anche le soluzioni della gente. Alle urne hanno detto sì alle nostre iniziative popolari «Per l’espulsione degli stranieri criminali» e «Contro l’immigrazione di massa». L’UDC è l’unico partito che combatte coerentemente il caos nella politica d’asilo. È l’unico partito che ha previsto in modo inequivocabile il fallimento della strategia energetica utopica del centro-sinistra. È l’unico partito che si batte per un approvvigionamento energetico sicuro e conveniente e quindi combatte l’estrema, costosa e ingannevole legge divoratrice di elettricità che voteremo il 18 giugno. I media vogliono cullarci
Come presidente del partito, sono felice della conferma della nostra rotta nelle elezioni cantonali. Ma devo anche avvertire, niente è così difficile da sopportare come una serie di giorni di successo. Non dobbiamo adagiarci sugli allori e dobbiamo lottare con tutte le energie. Un ulteriore slittamento a sinistra alle elezioni del 22 ottobre sarebbe un disastro per la Svizzera. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitarlo. Nella campagna elettorale, mi aspetto che tutti i membri del partito, a tutti i livelli, si impegnino al massimo. Perché i nostri avversari non dormono. Le dolci parole di elogio dei media dopo i successi del fine settimana elettorale sono pericolose: vogliono cullarci e confonderci. Ve lo prometto, mi assicurerò personalmente che ciò non accada. Le possibilità di una vittoria delle forze ragionevoli e pragmatiche in autunno sono buone, sfruttiamole!  

Comments are closed.

« »