Losone: distribuzione del sale

Mag 13 • Dai Comuni, Prima Pagina • 79 Views • Commenti disabilitati su Losone: distribuzione del sale

Losone

 

Domenica primo maggio si è rinnovata, per le famiglie patrizie, la tradizionale distribuzione del sale del Legato Generale. La consegna è avvenuta nel cortile della Casa patriziale in Contrada San Giorgio a partire dalle ore dodici. Più che buona l’affluenza dei cittadini patrizi.

Al momento dell’invio della comunicazione, l’Amministrazione aveva indicato che l’evento poteva subire dei cambiamenti. Per tale scopo aveva richiesto una preiscrizione.

Abbiamo trovato nella pubblicazione «Appunti di storia Losonese», provenienti dal manoscritto del 1912 di Don Siro Borrani, edito dalle edizioni del GdP nel 1964, alcune informazioni inerenti questi lasciti.

Non si trova quando si iniziò, ma «vi erano diversi cespiti lasciati da benefattori del paese coi frutti dei quali solevansi distribuire ogni anno nella festa dell’Annunciazione  

(25 marzo) certa quantità  di pane, in parte ai poveri in parte a tutte le famiglie di Losone.

Questa istituzione si chiama oggidì Legato patriziale Generale e partecipano de’ suoi frutti tutte le famiglie patrizie delle quattro frazioni del comune.

Nel 1797 sorse un vivo attrito a proposito di questo legato. Da due anni non si faceva parte agli arceniesi del pane che distribuivasi il 25 marzo. La vicinanza, il 25 marzo 1797, dovette occuparsi di proposito su tale vicenda.

Il console Alessandro Sorecchi espose ai convenuti lo stato della questione tanto più volentieri perchè era presente “ll reverendo Prette D. Gio Maria Sereni nostro curatto, il quale ancora lui come religioso debe procurare che ognuno habbia il suo, et darne in questa parte a tutto noi il debito consulto che la sua reverentia gli conviene dare, sia in questa causa dove sarà richiestro”. Il curato Sereni rispose che gli arceniesi membri di detto comune come gli altri, ed avendo in passato partecipato a detta distribuzione, “che ancora adesso e per l’avenire ne debeno avere la sua parte».

Nel 1698 i losonesi implorarono il vescovo di Como di poter convertire il pane in sale.

La Curia acconsentiva in data 13 febbraio.

 

 

*) Console = Un tempo era così chiamata la persona eletta responsabile di una comunità viciniale (vicinanza), deganiale (degagna) o locale (vicinato).

*) Vicinanza = Vicinia si tratta di un istituto giuridico anteriore alla costituzione del Canton Ticino come entità sovrana nel 1803, dalla quale è poi nata l’attuale ripartizione di competenze tra comuni e patriziati.

 

FRG

Comments are closed.

« »