La nosta Patria!

Gen 27 • Sport e Cultura • 2161 Views • Commenti disabilitati su La nosta Patria!

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Sett-cent ann fà, quand hann giüraa ‘nsül praa,

trii òman vèra, cunt i cujùn d’azzaal,

vurendu piü stà-sota a un padrunaal

n’hann mia fai tant, da “slogan” cumplicaa.

 

Epür, se sa vureva, a ben  guardà,

anca i Balivi purtàvan un quej vantagg.

Ma hann dii: «L’e mej ‘na crosta  in libertà

che un bel banchett da duvé mangià ‘n genöcc.»

 

Incöö gh’è geent che la saress disposta

da baratà vantagg , mia  nanca ceert,

cul giüst diritu da cumandà in cà nosta.

 

Vantagg  reclamizzaa ‘n tütt i maneer,

ma che j’ma fann pensà ala vaselina,

par casciàmal in  c…, pardòn …”sedeer.”

 

Traduzione

 

La nostra Patria!

 

 

Settecento anni fa, quando hanno giurato sul praticello,

 tre veri uomini, con le palle d’acciaio,

non volendo più sottostare ad un baliaggio,

non hanno fatto tanti slogan complicati.

 

Eppure se si voleva ben guardare,

anche i Balivi portavano dei vantaggi.

Ma hanno detto: “Meglio una crosta in libertà,

che un banchetto mangiato in ginocchio”.

 

Oggi c’è gente che sarebbe disposta

a barattare dei vantaggi per niente certi,

col giusto diritto di comandare in casa nostra.

 

Vantaggi reclamizzati in tutti i modi,

 ma che mi fanno pensare alla vasellina

per piantarcelo in c…, pardon…”sedere”.

Comments are closed.

« »