Gran Bretagna senza UE: diversa e migliore del previsto

Nov 12 • L'opinione, Prima Pagina • 110 Views • Commenti disabilitati su Gran Bretagna senza UE: diversa e migliore del previsto

Dal Nebelspalter del 3 novembre 2021, un interessante articolo sull’Inghilterra post-Brexit

Konrad Hummler

Se si crede ai soliti resoconti continentali, allora il Regno Unito deve essere davvero pessimo. Non è vero. Lo si percepisce – e si può sentire che la Brexit era necessaria.

Recentemente, dopo una lunga pausa, mi sono avventurato di nuovo su un aereo. Destinazione: Londra, Regno Unito. Ho voluto dare uno sguardo personale al regno insulare che è uscito dalla pandemia e ha abbandonato l’UE. Leggiamo e sentiamo molto parlare di tutte le disgrazie che i Britannici avrebbero sperimentato o sperimenterebbero ancora in futuro in conseguenza alla loro uscita dall’Unione Europea.

Stando ai soliti rapporti mediatici continentali, le cose devono andare davvero male nel Regno Unito. Immagini di scaffali vuoti nei negozi e lunghe code fuori dalle stazioni di servizio sono circolate nei media nostrani, e il primo ministro Boris Johnson continua a essere ritratto come un bullo caotico con una propensione patologica all’autopromozione.

L’arrivo a Londra Heathrow è stato esemplare e il check-in è stato rapido. I passeggeri provenienti da paesi ad alto rischio che erano sospetti di Coronavirus sono stati isolati al gate e sottoposti a una speciale procedura di screening. Gli altri sono passati rapidamente, almeno come prima della Brexit. Con una piccola differenza: i passeggeri dall’UE (e anche dalla Svizzera) sono ora ricevuti come normali stranieri; prima c’erano ancora code e sportelli separati.

Ma non importa: ora ti intrattieni con una Filippina invece che con una Francese e con una Keniota invece che con una Tedesca. Questo allarga l’orizzonte e aumenta la diversità attuale.

C’è un ambiente allegro e rumoroso

Anche l’autotest Coronavirus, che è ridicolizzato nel continente, da farsi entro 48 ore dall’arrivo nel paese – ordinato e pagato da casa era mi aspettava nella cassetta della posta della mia stanza d’albergo a Londra. Mi sono sottoposto a questa procedura, fondata sulla responsabilità personale, e ho ricevuto il risultato di laboratorio pochi giorni dopo in un’amichevole e-mail.

In realtà, mi aspettavo che il mio campione si sarebbe perso da qualche parte nel nirvana postale. Il condizionamento negativo da parte dei media nostrani ha avuto un effetto anche su di me.

Ho poi dato fatto un salto in un pub. La birra non era finita, al contrario. L’ambiente era allegro e rumoroso come sempre. E la gente stava in piedi ammassata davanti al pub a causa del mite clima autunnale, salutando felicemente la sera e la lunga notte che stava iniziando. Nessun umore depresso, nessuna mancanza di personale, nemmeno quando ho fatto domande investigative. Ho poi fatto lo stesso controllo dell’umore con innumerevoli autisti di Uber. Lo stesso quadro, decisamente più positivo del previsto.

Una grande fiducia

Uno sguardo ai dati economici può spiegare questo «mood» positivo. Dopo una magra crescita dell’1,7% del PIL nel 2019 e, a causa del coronavirus, un calo del 9,7% nel 2020, l’economia del Regno Unito sta quest’anno crescendo di un enorme 7,3 %. Entro la fine dell’anno, potrebbe essere raggiunto il 7,7%. Il tasso di disoccupazione è sceso al 4,6% dal 5,2% dell’anno scorso. I posti di lavoro vacanti sono a livelli record, indicando che un profondo cambiamento strutturale sta avvenendo nel regno.

La fiducia delle imprese («Business Confidence») è più alta che in qualsiasi momento negli ultimi quattro anni, anche e proprio nel settore dei servizi con molte piccole e micro imprese – come il mio pub all’angolo della strada. I prezzi degli immobili sono tornati a dove erano nel 2014, prima di tutti gli annunci catastrofici sulla Brexit.

Certamente, il prezzo per questo è un tasso d’inflazione non trascurabile di circa il 3%. Tutto sommato, però, si deve o si può affermare, in modo del tutto imparziale e oggettivo, che il Regno Unito sta economicamente andando molto meglio del continente europeo.

Anche la City di Londra sembra aver ripreso piede dopo una fase di incertezza, come il corrispondente della NZZ, di solito piuttosto scettico sulla Brexit, Benjamin Triebe, ha recentemente descritto in un articolo quasi entusiasta («Dopo l’uscita dall’UE, la piazza finanziaria britannica è piena di idee», NZZ, 16 ottobre 2021). Alcuni processi commerciali potrebbero essere scappati a Francoforte, Amsterdam o Parigi, ma lo slancio ha potuto essere compensato da nuovi volumi aggiuntivi.

Potente centro di servizi finanziari

Il riconoscimento reciproco dell’equivalenza borsistica tra Londra e la Svizzera nel febbraio di quest’anno ha apparentemente giocato un ruolo non indifferente in questo. Questa è stata una risposta piuttosto sovrana dei due Stati extracomunitari Regno Unito e Svizzera a Bruxelles, che aveva rifiutato questa stessa equivalenza per ragioni politiche e non oggettive.

Alla luce di queste esperienze, è ovvio e sarebbe consigliabile portare i colloqui in corso tra Londra e Berna su un accordo di servizi finanziari a una rapida conclusione. In un colpo solo, un potente centro di servizi finanziari emergerebbe nella nostra zona temporale, alla pari con New York e Singapore, mentre i Francesi potrebbero continuare a litigare con i Tedeschi sulla tassazione delle transazioni.

Prima di tornare in Svizzera, ho avuto l’opportunità di visitare l’Università di Oxford. Mi ha fatto capire perché la Brexit è arrivata, perché doveva arrivare. E che errore storico sia stato quello del primo ministro Edward Heath di far aderire il Regno Unito all’UE nel 1973. Il Regno Unito ragiona in modo così diverso, che non poteva funzionare. Il cartesianismo francese unito al rigore tedesco è totalmente incompatibile con il pragmatismo inglese.

Indipendenti, autonomi

Questo pragmatismo è di natura strutturale e resiste alla prova del tempo da ormai mille anni. L’Università di Oxford è composta da 34 «college», tutti offrono un curriculum universitario più o meno completo che va dalla teologia alle lingue, alla storia, al diritto e alle materie più «dure» come la matematica, la fisica e la chimica.

I «college» sono indipendenti e responsabili del proprio finanziamento e, soprattutto, di quali studenti e studentesse selezionano. Naturalmente, ci sono alcune regole generali, per esempio, quando e come uno studente di un «college» può frequentare moduli di formazione in un altro «college». Tuttavia, l’indipendenza e una certa rivalità caratterizzano il quadro, così come una diversità comunemente accettata.

Horizon: chi soffre di più?

Secondo le nostre idee abituali, questo dovrebbe finire in un disastro disorganizzato con grandi punti d’interrogazione qualitativi. È vero il contrario. Con l’eccezione di alcune università svizzere, quasi nessuna istituzione dell’Europa continentale può tenere il passo con le università inglesi, ed è proprio questo che rende così discutibile il piegarsi di fronte all’esclusione dal tanto decantato programma dell’UE «Horizon 2020»: chi soffre di più della sua interruzione, i migliori o i peggiori partecipanti? Chi diluisce chi in termini di qualità?

Ma torniamo alla struttura massimamente federale di un’università inglese: è questa che ha formato mentalmente le giovani élite del paese. L’uniformità non è una cosa per gli Inglesi, e l’«égalité» certamente no. Questo era il problema degli Inglesi, e potevano risolverlo solo con la Brexit. Lo ammetto: molto avrebbe potuto essere fatto meglio, in modo più elegante. Da entrambi i lati. Ma questo avrebbe cambiato poco il risultato. La rottura doveva avvenire.

Sì, ci sono troppo pochi camionisti in Inghilterra dopo la Brexit. Ma anche nell’intero continente europeo. Come risultato degli aiuti miliardari Covid-19 che stimolano la domanda aggregata, l’offerta aggregata è in ritardo. Salari più alti risolveranno il problema. Ci vorrà un po’ di tempo, ma succederà.

Anche altri problemi di approvvigionamento, elevati dai media al livello di catastrofe, sono più visibili nelle isole britanniche che nelle pampas continentali. Scaffali vuoti nei supermercati… Il prezzo della Brexit, come ho detto, è un’impennata dell’inflazione. Ma sta arrivando, forse un po’ più tardi e meno pronunciata, anche sul continente.

Reagisce in modo esagerato Johnson?

La questione è se l’intelligente ma imprevedibile primo ministro Johnson lascerà giocare l’economia o no. I politici su entrambi i lati della Manica sono desiderosi di un successo a breve termine. In linea di principio, Johnson avrebbe tempo e potrebbe permettersi molto in termini di popolarità. Non sappiamo se la sua compagna, molto più giovane, la veda allo stesso modo. Se c’è un rischio particolare per il Regno Unito nel prossimo periodo, è proprio questo: che perda la sua compostezza senza una vera ragione e cominci ad agire (eccessivamente) in modo politicamente imprevedibile.

Ma il Regno Unito ha anche un’opportunità speciale. Lo chiamerei il «premio di autonomia». Perché, per la prima volta dopo molto tempo, si fa strada nell’isola la consapevolezza di essere praticamente da soli e di dipendere solo da sé stessi. Quasi come dopo Dunkerque. Che non c’è un’altra autorità superiore da cui si possa ottenere qualcosa.

Affrontare da soli, risolvere da soli, pagare da soli: se questo cambiamento di mentalità prevarrà in Inghilterra, allora le cifre della crescita saranno non solo momentaneamente, ma per gli anni a venire, migliori rispetto a quelle del continente, dove si fa affidamento su sempre nuovi programmi di aiuto aggiuntivi da Bruxelles, finanziati dai Tedeschi e orchestrati dai Francesi.

Comments are closed.

« »