Dacci oggi la nostra ecopropaganda quotidiana!

Set 9 • Da, Dalla Svizzera, In terza, L'opinione, Prima Pagina • 141 Views • Commenti disabilitati su Dacci oggi la nostra ecopropaganda quotidiana!

Alex Reichmuth

Dal Nebelspalter del 6 agosto 2023, un interessante articolo di Alex Reichmuth

Sabato 5 agosto: Il «Tagesschau», il telegiornale della SRF, apre la sua edizione principale alle 19.30 con un servizio sul Jamboree mondiale degli scout in Corea del Sud. Non si parla però dell’importanza dell’evento (oltre 40.000 partecipanti da 158 Paesi), ma delle «temperature impressionanti» che gli scout hanno dovuto sopportare. Nelle loro tende sembrava di essere in una sauna. «Centinaia di persone con problemi di calore» sarebbero già state sottoposte a cure mediche e alcune delegazioni si sarebbero rifugiate in albergo.

«La Corea del Sud sta registrando temperature ben superiori ai 30 gradi», si ricorda. Una partecipante svizzera dichiara nell’articolo che troverebbe una partenza anticipata «non proprio piacevole», perché così si perderebbe qualcosa. Ma il messaggio dei redattori al pubblico è chiaro, anche se non viene dichiarato esplicitamente: il cambiamento climatico è negativo e sta portando a ondate di calore anche in Corea del Sud. [1]

L’esempio non è un caso isolato. Il programma «Tagesschau» della SRF si occupa regolarmente di questioni ambientali in modo allarmistico. Il «Nebelspalter» ha seguito le principali edizioni del programma nelle ultime settimane – e fornisce qui un resoconto dell’ecopropaganda:

Martedì 11 luglio. Le alte temperature in Svizzera hanno spinto la redazione del «Tagesschau» a raccontare in dettaglio i problemi che molte persone hanno con il caldo. Questo sta diventando «una minaccia per le persone anziane», dicono. Scopriamo dai residenti di una casa di riposo come affrontano il caldo. Per esempio, vanno a fare una passeggiata al mattino invece che al pomeriggio. Secondo il direttore della casa, molti residenti «hanno paura del caldo». Tutto questo non sembra molto spettacolare per il «Tagesschau», ma apparentemente per la redazione è importante far passare un messaggio: il cambiamento climatico è un male[2].

Venerdì 14 luglio. Il «Tagesschau» riporta in un importante servizio che ci sono «aziende e organizzazioni» che concedono ai propri dipendenti giorni di vacanza aggiuntivi. Vengono concessi più giorni di ferie a chi viaggia in treno anziché in aereo. In questo modo si compensano i tempi di viaggio più lunghi. Gli unici esempi citati sono la fondazione B Lab Switzerland (25 dipendenti), a sua volta attiva nel settore ecologico, e la società di servizi Loyco (120 dipendenti). I loro dipendenti si dichiarano entusiasti delle ferie aggiuntive. Anche Christian Fiechter, psicologo economico, ha qualcosa da dire, ma è scettico. Avverte che i dipendenti interessati potrebbero sentirsi limitati nella loro libertà di scelta e che questo potrebbe portare a un calo della soddisfazione dei dipendenti. Ma il messaggio del servizio è chiaro: bisogna fare di tutto per contrastare il drammatico cambiamento climatico, in modo che anche le offerte di vacanze estemporanee abbiano un senso.[3]

Sabato 15 luglio. Il «Tagesschau» apre il programma con un lungo servizio sul caldo che ora ha colpito anche l’Europa meridionale. Sono stati colpiti tutti i paesi, dalla Spagna all’Italia, alla Grecia, alla Bulgaria e alla Turchia. In Turchia, decine di persone hanno dovuto essere curate per un colpo di calore. Un Greco relativizza questo stato di agitazione: «Abbiamo temperature elevate ogni estate, a volte un po’ più alte, a volte un po’ più basse». Tutto va bene, dice. Ma ai telespettatori viene detto che la prossima settimana in Italia sono previste temperature record fino a 48 gradi. Ancora una volta, il messaggio del programma è chiaro: il cambiamento climatico è negativo. Segue immediatamente un servizio sull’ingorgo chilometrico sul Gottardo in direzione sud. A quanto pare, il caldo insopportabile in Italia non sembra scoraggiare gli affamati di vacanze.[4]

Giovedì 20 luglio. Ancora una volta, il caldo merita un servizio per la redazione del «Tagesschau». Il programma riferisce che l’Ufficio federale della sanità pubblica registra da ora in poi il numero di decessi dovuti al caldo ogni anno, anziché sporadicamente come in precedenza. La Confederazione intende utilizzare i dati per analizzare «gli effetti del cambiamento climatico sulla salute», si afferma. Nel 2022, in Svizzera ci sono stati 474 decessi dovuti al caldo. Anche in questo caso, i telespettatori ascoltano le dichiarazioni rilasciate da una casa di riposo su come gli anziani possano affrontare al meglio il caldo. Il messaggio del programma: il cambiamento climatico è pericoloso[5] e [6].

Mercoledì 2 agosto. Il «Tagesschau» riporta in un lungo servizio che oggi è la «Giornata del sovraccarico terrestre». Per il resto dell’anno consumeremmo troppe risorse e vivremmo, per così dire, a credito. Si abbattono più alberi di quanti ne ricrescano e si pescano più pesci di quanti se ne riproducano. L’idea del «sovraccarico terrestre» si basa sul concetto di impronta ecologica. Questo concetto risale a Mathis Wackernagel, un pioniere del movimento ambientalista, al quale è concesso di intervenire nel programma: «Il futuro si avvicina a noi più velocemente di quanto le nostre infrastrutture si adattino al futuro. Questo sta diventando pericoloso». È vero che la Svizzera ha ridotto un po’ il suo consumo di risorse, portandolo al fattore 2.7 terre, dice Wackernagel. Ma questo è «troppo lento». Il messaggio dell’articolo: lo stile di vita occidentale è dannoso per l’ambiente[7].

Venerdì 4 agosto. Dato che il caldo in Europa fa una pausa, il «Tagesschau» riferisce di un’altra paura ambientale: quella delle radiazioni radioattive. Il Giappone vuole iniziare prossimamente a scaricare in mare l’acqua di raffreddamento del «disastro nucleare di Fukushima». Un migliaio di serbatoi sono già pieni e ogni giorno viene aggiunta nuova acqua di raffreddamento. Nonostante la purificazione, quest’acqua contiene tritio radioattivo. Il reportage presenta i pescatori di un mercato del pesce sulla costa di Fukushima che temono non solo le radiazioni, ma anche che la loro merce diventi invendibile a causa della paura. Un rappresentante di un’organizzazione ambientalista sottolinea che la salute delle persone è in pericolo a causa dell’acqua di raffreddamento. Il servizio menziona che gli esperti concordano sul fatto che non c’è alcun rischio. Tuttavia, si sentono solo voci preoccupate. Il messaggio del servizio: l’energia nucleare è pericolosa[8].

Domenica 6 agosto. Un importante servizio del «Tagesschau» riguarda il Festival Menuhin di musica classica a Gstaad. L’unico motivo del servizio, tuttavia, è una produzione di Patricia Kopatchinskaja. La violinista ha trasformato la Sesta Sinfonia di Beethoven in un memoriale contro la distruzione del mondo. Vuole «scioccare e scuotere il pubblico», dice. Durante l’esibizione, i suoni dell’orchestra sono sovrastati dal rumore delle motoseghe, a causa della deforestazione della foresta pluviale. E c’è uno schermo video che mostra un mondo che si sta sciogliendo. Il direttore del festival Felix Müller vuole contribuire al dibattito sul clima con la musica classica, si legge nell’articolo. «Come istituzione culturale, vogliamo essere all’altezza delle nostre responsabilità», afferma. Il messaggio del contributo: la distruzione del mondo e soprattutto il cambiamento climatico sono terribili.[9]

Conclusione: Lo scorso fine settimana, il direttore generale della SSR Gilles Marchand ha dichiarato al «Sonntagsblick» che l’iniziativa popolare per ridurre il canone a 200 franchi l’anno è «un attacco alla Svizzera e alla sua pluralità». Ma non si può parlare di pluralità nei servizi del «Tagesschau» della SRF: senza eccezioni, le questioni ambientali sono riportate nel senso delle cerchie ecologiste di sinistra. Il messaggio trasmesso è quasi sempre lo stesso: il cambiamento climatico è disastroso.

Ai redattori non verrebbe mai in mente di informare i telespettatori che il numero di morti per il freddo supera di gran lunga quello dei morti per il caldo o che i problemi con gli incendi boschivi, secondo risultati scientifici attendibili, sono diminuiti in modo significativo negli ultimi decenni. E, naturalmente, non stiamo parlando di un mezzo di comunicazione privato cui è consentito fare informazione in modo unilaterale. Si tratta invece di una televisione con un mandato di servizio pubblico, finanziata dal canone obbligatorio e che quindi sarebbe tenuta a mantenere un equilibrio politico.


[1] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-05-08-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:1953f91b-c0e9-4886-b3ae-e38289c3ca21

[2] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-11-07-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:19615b96-62bf-4a19-b60b-6f5957404a15

[3] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-14-07-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:4886ed45-f263-4423-95a5-335eb2deb043

[4] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-15-07-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:df9f1a08-d79f-4b2d-b53c-97ff6d02e21d

[5] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-20-07-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:b761d21e-07f9-4399-a365-48f473c32252

[6] https://www.nebelspalter.ch/der-roehrenblick-des-bundes-auf-die-negativen-folgen-des-klimawandels

[7] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-02-08-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:270cb7cf-8ed0-4b54-861b-cb351c436cc3

[8] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-04-08-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:c4fc76b7-95c0-4b6c-b2b5-bc910af9ae22

[9] https://www.srf.ch/play/tv/tagesschau/video/tagesschau-vom-06-08-2023-hauptausgabe?urn=urn:srf:video:92af2307-1ad5-4b6e-8581-46904e8e22d7

Comments are closed.

« »