Cà mia

Lug 21 • L'opinione, Prima Pagina, Sport e Cultura • 1170 Views • Commenti disabilitati su Cà mia

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Rivi ‘cà stracch

rivi ‘cà inverz,

rivi ‘cà viscur e cuntent.

 

Stù ‘cà tranquill

stù ‘cà nervuus

stù ‘cà ‘mpuu tütt preucüpaa.

 

Vù via a bunura

vù via a mezdi

vù via cun tütt i prèss dal mund.

 

Fù mesteréi,

pooch in giardin,

ma piaas püssee saldà e limà.

 

Ma se  la  ca

la duess capì,

ga disaress ‘sta verità.

 

Che chi stù ben,

Che diventi griis

e che cà mia, l’è un paradiis.

 

                © Edo Figini 14, 1, 2002.

 

Traduzione

 

Casa mia

Arrivo a casa stanco, 

o arrabbiato,

o vispo e contento.

 

Sto a casa tranquillo,

o nervoso,

o un po’ tutto preoccupato.

 

Esco di buon’ora,

o a mezzodì,

o con tutte le premure del mondo.

 

Faccio lavoretti,

poco in giardino,

mi piace di più saldare o limare.

 

Ma se la casa

dovesse capire,

le direi questa verità.

 

Che qui sto bene,

che incanutisco,

e casa mia è un paradiso.

Comments are closed.

« »