Brava UDC Ticino, auguri Marco Chiesa!

Nov 1 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, L'opinione, Prima Pagina • 256 Views • Commenti disabilitati su Brava UDC Ticino, auguri Marco Chiesa!

Albert Rösti, Presidente UDC Svizzera

L’UDC svizzera ha avuto una flessione, inutile nascondersi dietro un dito, ma rimane comunque di gran lunga il maggiore partito svizzero e non mancherà di reagire. Ci aspettano quattro anni intensi, cui dovremo verosimilmente fare appello più spesso al popolo lanciando referendum e iniziative  che permettano di neutralizzare i danni che la svolta a sinistra del parlamento non mancherà di causare. Ma chissà che proprio questo ci permetterà di recuperare quell’elettorato che ci rimprovera di aver perso un po’ il contatto con il popolo. Infatti, nulla più della raccolta di firme e delle campagne di voto permette di tastare il polso alla popolazione e recepirne i problemi e le preoccupazioni. Personalmente, sono fiducioso che la maggioranza del popolo svizzero continuerà anche in futuro a riconoscere all’UDC il suo ruolo di unico partito coerente e affidabile nella difesa dei valori tradizionali della Svizzera: indipendenza, libertà, sicurezza e neutralità. E, da parte nostra, posso assicurare che continueremo ad adempiere, senza se e senza ma, a questo mandato.

Ma ora voglio spendere qualche parola sul voto ticinese. Che l’UDC Ticino stesse facendo un’ottima campagna mi era noto, ma oso dire che l’esito è andato oltre le aspettative. Infatti, se l’avanzamento – contro la tendenza nazionale – dell’1,6% e la conferma del seggio in Consiglio nazionale sono stati un po’ amareggiati dalla non-rielezione di Roberta Pantani, vittima dell’onda verde che ha purtroppo colpito anche l’elettorato svizzero, la brillante rielezione di Marco Chiesa è stata accompagnata dall’eccezionale risultato di quest’ultimo al 1° turno dell’elezione al Consiglio degli Stati.

Il secondo posto a una manciata di voti dal candidato veterano del PPD, Filippo Lombardi, e il suo piazzamento davanti agli altri due avversari PLR e PS, apre delle concrete chance di elezione al nostro candidato in occasione del ballottaggio del 17 novembre. Per raggiungere questo obiettivo, è determinante l’apporto della Lega dei Ticinesi – nostro alleato che colgo l’occasione per ringraziare – che conto vorrà mobilitarsi in massa a sostegno del nostro candidato. È infatti indispensabile bloccare l’ingresso nel Consiglio degli Stati ai due avversari diretti – Giovanni Merlini e Marina Carobbio – ambedue eurofili e sostenitori dell’accordo-quadro con l’UE.

Intanto, sperando vivamente di poter festeggiare con Voi il prossimo 17 novembre, mi felicito con UDC Ticino per l’ottimo lavoro svolto e auguro il massimo successo a Marco Chiesa.

Comments are closed.

« »