Vün che sparlascia..

Mar 10 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 178 Views • Commenti disabilitati su Vün che sparlascia..

Le poesie dialettali di Edo Figini

Se quel che parla ala televisiun

al tira l’acqua tropp da ‘na part sola,

sa deev mia licenziall (tajaagh la gola),

ma relegall magari in d’un cantun.

 

Da Uoscinton l’è propi un casu inscì.

Magnificà i difett, tasé i virtü

da chi la pensa mia cumpagn da lü.

Ma nüm devum surbissal tütt i di.

 

E chi ‘l “bunsens” (stavolta mia faziuus)

al disaress ‘na destinaziun sola:

Corea dal Nord, li basta una parola

föra da post…. pa’m bel paltò da nuus.

 

© Edo Figini 3 mar. 2018

 

Traduzione

 

Uno che sparla…

 

Se quello che parla alla televisione

sta tirando troppo l’acqua al suo mulino (politico),

non va licenziato (per farlo tacere),

ma relegato, magari in un angolo.

 

Da Washington abbiamo proprio un caso simile.

Magnificare i difetti, tacere le virtù

di chi non la pensa come lui.

Ma noi ce lo dobbiamo sorbire ogni giorno.

 

E qui il buonsenso (questa volta non di parte)

indicherebbe una destinazione sola.

Corea del nord. Li basta una parola

fuori posto… per farsi fare un bel cappotto di noce (cassa da morto).

 

Comments are closed.

« »