Vecchie conoscenze in pensione

Mag 9 • Prima Pagina, Sport e Cultura • 62 Visite • Commenti disabilitati su Vecchie conoscenze in pensione

Urs von der Crone
Presidente ds-SVP Tessin

Le vecchie conoscenze non devono sempre essere necessariamente delle persone. Lo sono anche dei veicoli che hanno segnato la quotidianità durante decenni. Così, qualche giorno fa, sono andato in esplorazione all’aeroporto milanese di Malpensa. Sapevo che, non lontano dalla zona check-in, c’è il museo dell’aeronautica VOLANDIA, che negli ultimi anni è assurto a museo europeo dei trasporti con il nome di OGLIARI. Chi s’interessa all’evoluzione dei trasporti aerei, può trovarvi un ricco campionario di vecchi e preziosi veicoli aerei. Alla storia dell’elicottero sono dedicate diverse esposizioni – dopotutto ci si trova nelle immediate vicinanze di uno dei maggiori produttori, l’azienda Agusta, che fornisce gli elicotteri anche alla nostra REGA. Poi, nel settore dedicato ai veicoli ferroviari, non possono mancare i vecchi nostalgici tram di Milano: non soltanto quelli arancioni, di aspetto antico ma ancora in servizio oggi, ma anche un vecchissimo tram corto di color giallo, della serie cosiddetta “Edison” prodotta più di cent’anni fa.

Si possono poi ammirare altri gioielli, quali molte locomotive a vapore di diversi modelli, un tram a cavalli, un vagone ferroviario costruito appositamente per le udienze papali, un esemplare ben conservato della FIAT “Balilla” degli anni trenta, nonché il settore speciale dedicato al progettista d’automobili italiano Bertone e alle sue estrose creazioni. Per gli amanti svizzeri della ferrovia è però particolarmente interessante dove sono documentati i diversi sistemi di ferrovie a cremagliera: chi di noi sa distinguere di primo acchito le aste dentate di Riggenbach, Strub e Abt – tutte inventate e sviluppate da ingegneri svizzeri? Infine, ho scoperto alcune vecchie conoscenze ticinesi che godono il loro “pensionamento” nel museo dei trasporti: un trolley bus di Lugano del 1959, un vagone-merci della Centovallina e un’automotrice della ferrovia del Monte Generoso risalente agli anni ’50.

Comments are closed.

« »