Un immobilismo preoccupante

Nov 30 • Dal Cantone • 901 Visite • Commenti disabilitati su Un immobilismo preoccupante

Consigliere comunale UDC, Magliaso

Consigliere comunale UDC, Magliaso

Regolarmente politici di ogni colore lanciano appelli ai giovani ad interessarsi alla cosa pubblica: cinque anni fa ha raccolto questo invito e dall’anno scorso siedo in Consiglio comunale a Magliaso. Anche qui sento inviti ai giovani a votare e ad entrare in politica. Purtroppo queste restano spesso parole dette per farsi belli ma non sentite davvero.

La realtà è infatti un’altra. Spesso un giovane siede in CC solo per alzare la mano e votare come chiede il partito, senza avere diritto di parola, ufficialmente perché deve prima capire i meccanismi. In realtà, per poter parlare deve pensarla come i “grandi”.

Ho la fortuna di far parte di un gruppo che dà spazio a tutti i suoi membri; purtroppo dall’esterno si cerca di tarparci le ali. Ecco due esempi di un immobilismo politico preoccupante, di un’opposizione sistematica senza alcuna giustificazione se non quella che la proposta non arriva da un partito storico ma da un’area politica scomoda, cioè dal gruppo Lega-UDC-Indipendenti. Si tratta di proposte per niente ideologiche, ma dettate dalla sola volontà di agire per il cittadino.

In applicazione della legge sull’informazione e sulla trasparenza, abbiamo chiesto di informare i cittadini sulle principali decisioni prese dal CC e dal Municipio, tramite comunicati stampa o pubblicazione agli albi e sul sito di un estratto delle risoluzioni municipali, naturalmente senza i dettagli sulla votazione. Ciò avviene già in numerosi comuni. Ebbene, il Municipio rispondeva che il cittadino non chiede una maggiore informazione, che si accontenta di delegare il proprio potere a chi amministra il comune, che è preferibile una divulgazione mediatica di basso profilo e che i problemi vanno risolti in casa propria. Inoltre, ciò comporterebbe del lavoro aggiuntivo eccessivo per gli impiegati del comune, che magari non hanno nemmeno le conoscenze tecniche del web per mettere in pratica le nostre richieste: “Non si può pensare e pretendere che si possa fare fronte a tutte le possibili richieste e desideri nell’ambito amministrativo-gestionale che giungono dai banchi del Legislativo o dal singolo cittadino”!

Il secondo esempio riguarda i giovani votanti. Il progetto Easyvote della Federazione dei Parlamenti dei giovani ad ogni votazione elabora un libretto di spiegazioni semplificate, destinato ai giovani fino ai 25 anni. Ogni comune può abbonarsi a questo servizio alla modica cifra annuale di CHF 2.90 per giovane e inviare il libretto assieme al materiale di voto. Abbiamo quindi chiesto di prendere in considerazione questa possibilità. Pur dandoci ragione sulla necessità di portare i giovani alle urne, dimostrata anche tramite delle statistiche sulle votazioni 2013 che indicano come solo un giovane del comune su tre vada a votare, il Municipio ha bocciato la proposta, senza giustificazioni, se non menzionando vagamente che esistono già i libretti informativi della Confederazione o del Cantone e che internet offre molte possibilità di informarsi. Perché non tentare comunque con Easyvote? Un solo giovane in più che vota sarebbe un successo! Purtroppo, rispondere negativamente è sempre più facile che fare qualcosa di concreto!

Non condivido la proposta di limitare gli anni delle cariche politiche, ma sono convinto che dopo un certo numero di anni la spinta propositiva di un politico si esaurisca, com’è normale che sia, e che a quel punto egli debba lasciare spazio a forze fresche, non tanto in termini di età quanto di voglia di fare e di portare proposte nuove.

Comments are closed.

« »