Un bun afàri

Ago 3 • Prima Pagina • 448 Visite • Commenti disabilitati su Un bun afàri

Le poesie dialettali di Edo Figini

Le poesie dialettali di Edo Figini

Quand gh’è da fa un afàri urmai sa sà

che ogni roba la gavrà ‘l so prezzi.

E quindi se summ mi che deef cumprà

l’è lü che’l loda, mi ‘nveci disprezzi.

 

Parchè l’è giüst, tirà l’acqua al mulin.

Ma ugnun al sò e fa ‘l sò d’interess.

E l’è pür giüst che, ‘n certu mumentin,

anca i danee sa bütan mia ‘n dal cess.

 

Ga vöör misüra, e vess un puu avedüü

ciuè da mia vuré fa ul solit goss

pensandu che “summ mi quel ch’à vengiüü,”

o,  “stavolta summ staj mi, ‘l püssee baloss.”

 

Ma tignì a ment: L’afàri da vantass

l’è ciar che ‘l deef vess bun par tütt’e düü.

E che nissün ga piasa da stimass

a duvé amett che l’ha ciapaa ‘n dal cüü.

 

         © Edo Figini 14 lug. 2016

 

Traduzione

 

Un buon affare 

 

Quando c’è da fare un affare ormai si sa

che ogni cosa ha il suo prezzo.

E quindi se sono io che devo comperare,

è lui che loda la merce, mentre io la sminuisco.

 

Perchè è giusto tirare l’acqua al mulino.

Ma ognuno al suo, facendo il proprio interesse.

Ed è pur giusto che ad un certo punto,

anche i soldi non si buttano nel cesso.

 

Ci vuol misura, ed essere un po’ avveduti,

cioè di non voler fare il solito ingordo,

pensando “sono io che ho vinto”

o “stavolta sono stato io il più furbo”.

 

Ma tenere a mente: l’affare di cui vantarsi,

è chiaramente quello fatto da ambo le parti.

E che a nessuno piace farsi bello

dovendo ammettere di essersi fatto infinocchiare.

 

Comments are closed.

« »