Tre Confederati alla ricerca del Consigliere federale

Lug 28 • L'opinione, Prima Pagina • 230 Visite • Commenti disabilitati su Tre Confederati alla ricerca del Consigliere federale

Un po’ di umorismo

 

Nel Palazzo federale a Berna si trova il monumento “I tre Confederati”, che costituisce il punto focale della sala della cupola. Sovrastati da un arco, su un piedestallo stanno Werner Stauffacher, Walter Fürst e Arnold von Melchtal, i quali, con il giuramento sul praticello del Grütli, hanno fondato La Confederazione. Recentemente hanno di nuovo parlato fra di loro. E noi abbiamo ascoltato.

Stauffacher (S): „Avete sentito? Il Burkhalter ha gettato la spugna, adesso ne abbiamo già bisogno un altro.“

Fürst (F): „O un’altra.“

Melchtal (M): „Uno nuovo o una nuova, un nouveau ou une nouvelle? Una candidatura svizzero-tedesca mi sembra senza alcuna chance.“

S : „Sarà comunque difficile. Il mercato svizzero della domanda e dell’offerta per tale impiego è totalmente a secco. Non vedo nessuno che possa portare un po’ di slancio in quell’addormentato collettivo a sette. Forse la Svizzera dovrebbe mostrare una maggiore apertura e cercare qualcuno al di là dei confini.“

F: „Perché no? Cosa ne dite di Erdogan? Direbbe finalmente a quel gremio senza guida dove sta andare … ovunque … in ogni caso non nell’UE. Sarebbe un ottimo acquisto per il DFAE.“

S: „Oppure quel simpatico Austriaco, Sebastian Kurz. Con lui prenderemmo in mano in un amen il caos della migrazione, i Ticinesi esulterebbero. Dovrebbe prendere il posto della Madre Teresa della post-verità nel DFGP.“

F: „Ancora meglio sarebbe il Trump. Ben presto nessuno negli USA vorrà saperne di lui. E farebbe trottare la comunicazione verso l’esterno del Consiglio federale. Twitter invece delle solite indiscrezioni nella stampa domenicale. Inoltre, farebbe risvegliare le nostre sopite relazioni con la Russia.“

M: „Si potrebbe prendere anche il Beppe Grillo, quell’Italiano con le sue stelle. Sarebbe pur sempre un latino. No, credo che, volenti o nolenti, dovrebbe essere uno Svizzero. Ma chi?“

F: „Stelle? Avrei una brillante idea: prendiamo l’Erich von Däniken.“

S: „Cosa? Quel visionario con i suoi bestseller sugli UFO?“

F: „Sì, proprio lui. È famoso in tutto il mondo. Ha delle visioni. Le tesi, tradotte in 32 lingue, nella sua opera fondamentale “Gli extraterrestri torneranno” troverebbe alle Camere il consenso sia dei tradizionalisti, sia degli idealisti progressisti. E il futuro consigliere federale penserebbe finalmente a un livello interplanetario.”

 

I tre Confederati sono concordi su von Däniken. La loro è un’opinione di peso. Già, le tre figure pesano insieme 24 tonnellate.

 

 

 

Ronco

Comments are closed.

« »