Solito cliché, identico colore, solite famiglie!

Gen 12 • Dal Cantone, L'opinione • 788 Visite • Commenti disabilitati su Solito cliché, identico colore, solite famiglie!

Drake

Nomine RSI

 

“Habemus Papam !”  Fumata bianca in quel di Comano! Eletto il nuovo direttore.

Ancora una volta è stato scelto un candidato posizionato tutto a mancina. La tradizione è salva e il servizio pubblico assicurato. Ora bisogna capire di quale servizio stiamo parlando.

Notoriamente ciò che ci viene offerto in fatto di programmi e di qualità non corrisponde all’esoso canone che siamo costretti a pagare. L’informazione è sfacciatamente di parte, e sappiamo a quale ideologia, quotidianamente, i giornalisti di Comano rendono il loro doveroso omaggio.

Ma veniamo al nuovo “pontefice”. Si attendeva la decisione dei “cardinali” della SSR che siedono a Berna, anche se – stucchevole melina a parte – già si sapeva il nome di colui che sarebbe stato scelto. Il “nostro” vanta un blasone familiare di tutto rispetto. Appartiene infatti  ad una vera e propria dynasty radiotelevisiva.

Tutti teniamo famiglia! Notoriamente siamo consapevoli che ci sono famiglie che contano più delle altre e quindi si arrogano il diritto di assicurare e trasmettere ai discendenti “l’eredità” del posto di lavoro. Nel caso specifico di generazione in generazione!

Consuetudine molto diffusa nel “triste sito”, indipendentemente dalle capacità o no del raccomandato di turno e in totale contrasto con il “Principio di Peter” . Un classico insomma e in barba al regolamento aziendale che sulle assunzioni è chiaro. Ma i regolamenti, ovviamente, si possono interpretare e adattare alla bisogna. A volte è sufficiente una telefonata!

In questo iettatissimo Cantone,  giostrano veri maestri nell’arte del trasformismo,  laureati con 10 e lode in opportunismo. Cangiano colore con sorprendente facilità, alleandosi con grande disinvoltura – quando il caso lo richiede – sia con il diavolo sia con l’acqua santa. Nel virtuale, capiente atanor della RSI, questo “processo” alchemico è in atto da sempre con il tacito consenso dei partiti storici che sanno, ma fanno finta di non sapere!

Ci si chiede cosa cambierà alla RSI con la nomina del nuovo direttore. Cosa volete che cambi ? Se vogliamo, con un semplice gesto, potremo almeno cambiare la sintonia, per non dover sopportare faziosità e amenità che quella “azienda”, quotidianamente ci propina! Per il resto tutto come prima o forse peggio di prima.

Comments are closed.

« »