Politica europea: il Consiglio federale svicola

Giu 30 • Dall'UDC, Dalla Svizzera, Prima Pagina • 794 Views • Commenti disabilitati su Politica europea: il Consiglio federale svicola

Logo UDC

Dopo la sua discussione sulla politica europea, il Consiglio federale ha diffuso delle informazioni nebulose per bocca di Didier Burkhalter, ministro degli affari esteri. Come d’abitudine, il governo svicola su questo oggetto. L’UDC esige la massima trasparenza per ciò che riguarda le intenzioni del Consiglio federale. In una questione tanto importante, questi misteri ispirati da basse tattiche elettorali sono inaccettabili e indegni di un governo responsabile.

Il Consiglio federale è manifestamente pronto a fare pesanti concessioni all’UE. Sembra non trattarsi più semplicemente di qualche adattamento puntuale da apportare alla libera circolazione delle persone per applicare la norma costituzionale sulla gestione dell’immigrazione. Il Consiglio federale mira ben più a vincolare tutto a un accordo istituzionale con l’UE, accordo che imporrebbe alla Svizzera la ripresa dinamica del diritto UE e che la sottometterebbe alla Corte di giustizia dell’UE in caso di divergenze d’interpretazione e di litigi. Tale miscela è decisamente non commestibile e gravemente nociva per la Svizzera. Ancora una volta, il Consiglio federale si piega completamente alle esigenze di Bruxelles.

Nella stessa occasione, il Consiglio federale ha chiaramente fatto comprendere che giocherà questa carta soltanto dopo le elezioni di quest’autunno. Questi misteri e manovre tattiche elettorali sono inaccettabili. L’UDC invita il Consiglio federale a dire la verità al popolo e a informarlo completamente circa le sue intenzioni.

 
Berna, 24 giugno 2015

 

Comments are closed.

« »